Skip to content

Il marketing dei motori di ricerca. Tecniche e metodologie per una proficua presenza sul web

I 10 errori da evitare nelle tecniche OnSite

Nell'ottimizzazione OnSite della pagina web è spesso frequente incappare in errori che minano la possibilità di ottenere un buon posizionamento, vanificando tutti gli sforzi sino a quel momento effettuati.
I 10 principali errori che si possono commettere nel percorso che porta a migliorare il proprio posizionamento sono:

1. Scelta di keyword "errate"; vengono scelte parole chiave non inerenti al contenuto del sito allo scopo di attirare su di sé il motore di ricerca con quelle keyword che generano il maggior numero di richieste. Tale stratagemma non porta alcun risultato, perché si scala si il motore di ricerca, ma gli utenti abbandonano subito il sito, a causa del fatto che il risultato di ricerca non corrisponde alle loro aspettative;

2. Sovrabbondanza di parole chiave nel Keyword Meta-tag; uno dei tanti usi scorretti del keyword meta-tag è quello di inserirvi centinaia di parole chiave con lo scopo di ottenere un'elevata posizione di ranking. Come precedentemente affermato, però, i motori di ricerca hanno smesso di considerare tale meta-tag ai fini del posizionamento, pertanto un suo abuso non porta ad alcun giovamento;

3. Ripetizione ciclica della stessa keyword; un'altra tecnica scorretta è quella di ripetere ciclicamente la medesima parola chiave all'interno dei meta-tags e del testo della pagina; tale modo di operare non viene considerato dai motori di ricerca che, anzi, tendono a penalizzare le pagine web sovrabbondanti di parole chiave pedissequamente ripetute;

4. Creazione di pagine doorway (o gateway); tale tecnica consiste nel creare differenti pagine dallo stesso contenuto, in relazione all'algoritmo di indicizzazione dei diversi motori di ricerca. Oltre ad essere una tecnica scorretta e difficile da gestire da parte del webmaster, le pagine doorway vengono spesso rilevate dai motori di ricerca, che provvedono ad eliminarle dal proprio index. Quindi, invece di creare diverse pagine (dal medesimo contenuto) per diversi motori di ricerca, è assai meglio creare un'unica pagina ottimizzata per poter essere indicizzata da tutti i motori di ricerca;

5. Utilizzo di testo nascosto (o fontmatching); per testo nascosto si intende quel testo che ha lo stesso colore dello sfondo, e pertanto è invisibile all'occhio umano. Ciò consente di creare pagine ricche di parole chiave non percepite dall'utente ma rilevate dai motori di ricerca. Anche tale tecnica viene punita dai motori di ricerca che, qualora si trovino dinanzi a testo dello stesso colore dello sfondo, procedono all'esclusione della pagina dall'indice;

6. Pagine di sola grafica; i motori di ricerca comprendono il solo testo, pertanto le pagine web costituite di sole immagini non vengono indicizzate. In tal caso è opportuno, da parte del webmaster, sostituire le immagini con del testo contenente parole chiave;

7. Errato uso del tag NOFRAMES; la gran parte dei motori di ricerca non riconosce i frames, pertanto i siti che ricorrono a tale layout necessitano di specificare il loro contenuto all'interno del tag NOFRAMES. Qualora tale operazione non venisse fatta, il motore di ricerca non sarebbe in grado di indicizzare nulla;

8. Tecnica del page cloaking; tale tecnica consiste nel creare differenti pagine in base alle diverse circostanze. Nella pratica vengono create due diverse versioni della pagina, una per i motori di ricerca e l'altra per gli utenti. Se la richiesta della pagina viene fatta da un motore di ricerca il webserver restituisce una pagina ricca di keyword, mentre se la stessa richiesta viene effettuata da un utente il webserver restituisce una pagina esteticamente piacevole e fruibile.
Inoltre il cloaking viene adottato per nascondere alla concorrenza le proprie tecniche di ottimizzazione delle pagine. Il principale metodo con cui il webserver riconosce l'origine della richiesta è quello basato su indirizzo IP; il webserver dispone di un database in cui sono contenuti gli IP di tutti gli spiders conosciuti; qualora la richiesta non pervenga da uno di questi indirizzi si assume che sia stata fatta da un utente e, di conseguenza, viene consegnata la pagina esteticamente fruibile. Il problema è che quando un sito fa uso del cloaking, impedisce agli spider dei motori di ricerca di navigare le stesse pagine che sono visualizzate dagli utenti. Il page cloaking è pertanto vietato dai motori di ricerca;

9. Tools di iscrizione automatica; al fine di risparmiare tempo e fatica, molti webmaster fanno ricorso a software di iscrizione automatica ai principali motori di ricerca. Tali software vengono però ignorati la maggior parte delle volte;

10. Inserimento di troppe pagine al giorno; aggiungere un eccessivo numero di pagine al giorno risulta essere penalizzante in quanto la maggior parte di esse verrà ignorato. La soluzione preferibile è quella di inserire non più di una pagina al giorno.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il marketing dei motori di ricerca. Tecniche e metodologie per una proficua presenza sul web

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Ventura
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Paolo Domenico Regina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi