Skip to content

La Diversificazione nelle Dinamiche Competitive del Settore Agroalimentare Pugliese: Analisi di un caso

Agricoltura biologica e sicurezza

Sino ai primi anni '90 l'agricoltura si ê sempre posta l'obiettivo di aumentare quantitativamente la disponibilità dei beni alimentari, massimizzando la produttività con l'uso di fertilizzanti e fitofarmaci a tutto discapito del dell'ambiente.

Successivamente, il diffondersi di una sensibilità ambientalista e salutista e la volontà di migliorare la qualità della vita hanno orientato il settore verso tecniche produttive più ecocompatibili. Il Regolamento UE n. 2091/92 (successivamente completato con il n. 1804/99) ha incoraggiato questa tendenza e le tecniche di agricoltura biologica si sono diffuse in tutta Italia, nonostante la loro adozione comporti la maturazione di una nuova cultura aziendale, dove si pone attenzione non solo agli aspetti economici, ma anche alle problematiche del minor impatto ambientale e della sicurezza alimentare. Il tema della sicurezza e dell'agricoltura biologica è particolarmente sentito dalle imprese meridionali che si mostrano molto attente a questi due fattori, utilizzandoli anche come strumento di promozione dei loro prodotti di qualità. Infatti, come si legge nel Bioreport 2013, la distribuzione del numero di aziende biologiche per comune sul territorio nazionale indica la loro maggiore concentrazione nelle regioni centrali e in quelle del Sud.

Sempre il Bioreport 2013, con riferimento al numero di operatori biologici per tipologia e regione, riporta un incremento del 20,3 % della Puglia, che è passata da 5081 operatori nel 2011 a 6111 produttori totali nel 2012, con ben 5377 produttori esclusivi (fonte SINAB). In Puglia infatti, l'agricoltura biologica costituisce ormai da anni una componente fondamentale del comparto agricolo, sia grazie all'impegno di aziende biologiche che a quello delle istituzioni regionali. Non a caso, oltre ai finanziamenti legati al piano di sviluppo rurale, è stato istituito con Delibera della Giunta Regionale n. 1706 del 19 luglio 2010, l’”Osservatorio Regionale sull'Agricoltura Biologica”, realizzato presso l'Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia e attuato con il supporto tecnico dell'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari.

Tale osservatorio, accessibile dal portale www.biologicopuglia.it, si propone di creare un rapporto diretto con gli operatori del settore interessati allo sviluppo della “cultura del biologico”, migliorare le loro conoscenze sulle tecniche di coltivazione biologica, e fornire ai cittadini tutte le nozioni necessarie per un consumo più consapevole dei prodotti biologici. Tra l'altro questa maturata attenzione al modo di produrre biologico, agli aspetti qualitativi, alla sicurezza degli alimenti, agli aspetti salutistici e culturali dei propri prodotti alimentari tradizionali, ben si coniuga con l'obiettivo di sviluppo locale sostenibile del marketing territoriale pugliese, rivolto a far conoscere e a far apprezzare in tutto il mondo la bellezza della regione e delle sue “meraviglie” agroalimentari.

Da ricordare in questo senso, il ruolo nevralgico svolto dai 25 G.A.L. (Gruppi di Azione Locale) pugliesi, dislocati in tutte le aree regionali, con compiti di sostegno, sviluppo e promozione della rete rurale locale, in attuazione delle linee di intervento del Piano di Sviluppo Rurale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Diversificazione nelle Dinamiche Competitive del Settore Agroalimentare Pugliese: Analisi di un caso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lidia d'Elia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Economia
  Corso: Management Aziendale
  Relatore: Amedeo Maizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
agroalimentare
sostenibile
competitività
settore
settore agroalimentare
dinamiche competitive
gestione strategica
settore agroalimentare pugliese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi