Skip to content

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo nel pubblico impiego privatizzato

L'applicabilità al pubblico impiego del nuovo rito introdotto dalla riforma Fornero

Chiarita la tutela applicabile al dipendente pubblico, occorre ora capire quale rito sia esperibile dal lavoratore che ritenga di essere stato licenziato illegittimamente. La questione sorge spontanea in seguito all'introduzione di un nuovo rito alternativo introdotto dall'art 1. comma 47 e ss. della l. 92/2012: le disposizioni dei suddetti commi «si applicano alle controversie aventi ad oggetto l'impugnativa dei licenziamenti nelle ipotesi regolate dall'articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, 15 e successive modificazioni, anche quando devono essere risolte questioni relative alla qualificazione del rapporto di lavoro».

Il problema interpretativo riguarda nuovamente il significato dei commi 7 e 8 del medesimo articolo, dai quali si desume che le novità introdotte dalla riforma Fornero non sono direttamente applicabili al pubblico impiego a meno che questa eventualità non sia espressamente prevista; a onor del vero, il succitato testo del comma 47 sembrerebbe fugare ogni dubbio in merito all'applicabilità anche al licenziamento del dipendente pubblico – in quanto regolato dallo statuto dei lavoratori – del rito in esame.
Nondimeno la dottrina è estremamente disunita al riguardo, arrivando a configurare l'inapplicabilità del rito nonostante l'applicabilità del novellato art. 18, l'inapplicabilità di entrambi, l'applicabilità del solo rito o infine l'applicabilità di entrambi gli aspetti della riforma.

Come già accennato, ritengo direttamente applicabile al pubblico impiego il nuovo rito predisposto dalla riforma: non solo quale conseguenza logica dell'interpretazione letterale del combinato disposto tra i commi 7 e 47 dell'art. 1, ma anche in quanto fedele all'intentio legis della riforma, nella misura in cui non è ragionevole ipotizzare che l'intervento armonizzante del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione riguardi la previsione di uno specifico rito di impugnazione valido soltanto per il pubblico impiego.

Per quanto riguarda l'applicabilità o l'inapplicabilità di entrambe le novelle, ho già avuto modo di citare diverse sentenze che sposano entrambi gli orientamenti con adeguate motivazioni; al contrario, risulta inaccettabile l'orientamento volto ad escludere l'applicabilità del rito pur ritenendo applicabile il novellato art. 18: non è azzardato infatti asserire che l'introduzione di un nuovo rito del lavoro più celere sia strettamente connessa alla riduzione delle tutele accordate al lavoratore illegittimamente licenziato, al punto da poter configurare i due istituti come legati da un rapporto simul stabunt simul cadent . Merita inoltre di segnalarsi che l'eventuale dissociazione in oggetto potrebbe risultare incostituzionale per violazione del principio di uguaglianza e del diritto alla difesa in giudizio (rispettivamente, art. 3 e 24 cost.).

Chiarita l'applicabilità del nuovo “rito Fornero” al pubblico impiego, occorrerà ora esaminarne le peculiarità e domandarsi se sia obbligatorio o meramente facoltativo rispetto al rito del lavoro, nonché se sia compatibile con il rito sommario ex art. 700 c.p.c; ad entrambe le domande, come vedremo, sembra potersi fornire una risposta positiva.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo nel pubblico impiego privatizzato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Moi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Enrico Maria Mastinu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

licenziamento
mobilità
pubblico impiego
diritto del lavoro
articolo 18
reintegrazione
fornero
motivo oggettivo
dipendente pubblico
esubero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi