Skip to content

Scelte distributive del Made in Italy nei mercati internazionali

La percezione del Made in Italy nei mercati esteri

Negli ultimi anni, il concetto di Made in Italy ha assunto un’importanza nel mondo tale da diventare un asset comunicativo per molte aziende italiane. Per capire come viene percepito il Made in Italy nei mercati esteri, analizziamo uno studio realizzato nel 2004 dall’Istituto Piepoli di Milano e commissionato dal Comitato Leonardo e dall’istituto Nazionale per il Commercio Estero. In questa ricerca, dal titolo “L’immagine dei prodotti italiani in Cina, Russia, Svezia e Stati Uniti, sono state condotte 1000 interviste CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) che rappresentano la popolazione nazionale e 40 interviste più approfondite effettuate ad opinion leader come giornalisti, businessmen e importatori di prodotti italiani.

La prima domanda è: “Parliamo dell’Italia: cosa le evoca, cosa le fa venire in mente?” La maggior parte degli intervistati ha citato il cibo e il vino, seguito dai luoghi italiani, dal calcio, abbigliamento, ed infine arte, cultura ed il crimine organizzato.

Analizzando però i dati per ciascuno dei paesi coinvolti nella ricerca, si riscontrano delle differenze significative tra le percezione di paesi come la Russia e la Cina, le quali sono lontani dall’Italia non solo geograficamente ma soprattutto culturalmente e paesi occidentali come la Svezia e gli Stati Uniti. L’associazione dell’Italia al settore dell’abbigliamento per la Cina e la Russia arriva rispettivamente a 20% e 9% mentre nei due paesi occidentali la percentuale raggiunge valori tra il 2% e il 3%. Cibo e vini invece registrano valori più alti nei paesi occidentali, ossia quelli culturalmente più vicini all’Italia.

La seconda domanda posta dall’Istituto è: “Pensando ai prodotti italiani, quali sono i primi che le vengono in mente?” La pasta è il primo prodotto che viene in mente considerando la totalità delle risposte, seguite dall’abbigliamento e calzature, vino, pizza e altri cibi, automobili, e solo alla fine la tecnologia. Anche in questo caso, se i paesi vengono presi in considerazione singolarmente, in Cina il settore dell’abbigliamento e della moda occupa uno spazio importante ottenendo il 40% delle preferenze. L’Italia è considerata dai cinesi il Paese della moda. Mentre nei paesi occidentali, i prodotti che vengono associati di più all’Italia riguardano il settore alimentare.

Per capire come un Paese viene percepito dai consumatori, la ricerca dell’Istituto Piepoli rivolge domande circa il reale acquisto di prodotti provenienti dall’Italia. Dal grafico si può notare che le esperienze d’acquisto di prodotti italiani da parte del campione cinese è stata molto limitata. La distanza culturale tra Cina e Italia per quanto riguarda i gusti culinari è molto ampia. Analizzando anche le interviste qualitative effettuate agli opinion leader si evince che il cibo italiano viene percepito sia come costoso ma anche esotico e non molto conosciuto per la maggior parte della popolazione. Viene inoltre citata una certa confusione circa la provenienza dei prodotti, ossia tra prodotti italiani e quelli americani.

Per quanto riguarda le caratteristiche generali dei prodotti Made in Italy, il prezzo troppo alto e il problema della contraffazione sono gli aspetti negativi più menzionati dagli intervistati. Infatti, questi due aspetti negativi sono enfatizzati da intervistati di tutti e quattro i Paesi presi in considerazione per la ricerca. Altri aspetti negativi riguardano la lentezza dell’assistenza post-vendita e il gusto troppo classico dei prodotti che rischia di allontanare i consumatori più giovani. Tra gli aspetti positivi invece, quelli più menzionati riguardano la qualità dei prodotti, il design, l’artigianalità, e un senso di status symbol che il loro possesso può generare nei consumatori.

Tuttavia, si evince che la percezione per i prodotti Made in Italy da parte dei paesi oggetto del sondaggio è complessivamente positiva. Come si può vedere anche dal grafico successivo, alla domanda “Che percezione ha dei prodotti italiani complessivamente?”, la maggior parte degli intervistati esprime un giudizio più che positivo e i giudizi tra i diversi paesi sono abbastanza omogenei.

Nel 2010, l’Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione (ISPO), ha effettuato una ricerca, anch’essa riguardante la percezione del Made in Italy sia in Italia che all’estero, in particolare negli Stati Uniti e in Cina. Il campione di questa ricerca ha coinvolto utenti “almeno un poco interessati al settore Made in Italy (ad eccezione degli opinion leader per cui si dà per scontata la capacità di esprimere un opinione sull’argomento, data la rilevanza per il sistema economico italiano).” I dati confermano la percezione positiva di cui gode in brand Italia nei Paesi oggetto della ricerca. In particolare, il 79% degli americani e l’80% del campione cinese apprezzano le produzioni del Made in Italy.

Le parole “Made in Italy” per gli italiani sono sinonimo di bellezza e qualità, il campione americano le associa al concetto di passione, bellezza e cultura e quello inese al concetto di estetica, seguito da qualità e cultura. Si evince quindi che cultura e qualità sono i primi concetti che il Made in italy evoca nei consumatori.

Per quanto riguarda i settori ai quali le qualità intrinseche del Made in Italy sono più applicabili, la ricerca ha riscontrato una omogeneità delle risposte date dal campione americano e cinese. Infatti, il 48 % degli americano ed il 49% dei cinesi si dichiara favorevole ad applicare il Made in Italy ai soli settori tradizionali, mentre il 74% del campione italiano lo applicherebbe a tutti i settori produttivi.

Quali sono quindi i settori ai quali viene associato il Made in Italy? Secondo i dati della ricerca, sono moda e accessori, arredo e design, vini e prodotti alimentari i settori più rappresentativi delle produzioni italiane. […]

Come si può vedere da questi sondaggi, i consumatori esteri hanno una percezione positiva del paese Italia e dei prodotti italiani. Si capisce quindi che il Made in Italy è più di una semplice indicazione d’origine geografica e grazie ai significati associati all’origine italiana dei prodotti, essa rappresenta da anni un elemento di differenziazione per molte imprese che operano in mercati internazionali. Basterebbe ad esempio pensare soprattutto alle imprese di piccole e medie dimensioni che concentrano le proprie attività su produzioni di nicchia e che godono di un brand forte e riconoscibile.

Il Made in Italy infatti, viene associato a qualità ed eccellenza e vari studi hanno riscontrato il suo impatto nelle intenzioni d’acquisto dei consumatori come ad esempio quello di Goudge e Ivanov (1999) che hanno effettuato una ricerca per esaminare gli effetti dell’immagine del paese d’origine, del brand e del prezzo sul comportamento dei consumatori macedoni. I risultati della ricerca hanno dimostrato che le vendite dei jeans del brand Versace si sarebbero diminuite se i consumatori non fossero sicuri che i jeans erano prodotti in Italia, mentre nel caso in cui i jeans fossero prodotti in Turchia, le vendite sarebbero crollate significativamente. Anche la percezione sul prezzo cambiava a seconda che i jeans fossero prodotti in Turchia (in questo caso i consumatori si aspettavano un prezzo più basso) o in Italia (caso in cui i consumatori erano disposti a pagare un prezzo più alto). La ricerca ha dimostrato che la forza del brand era limitata nel ridurre l’impatto negativo del immagine del paese d’origine, dimostrando quindi la forza dell’immagine nelle intenzioni d’acquisto dei consumatori.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Scelte distributive del Made in Italy nei mercati internazionali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorena Dushku
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Governo e direzione d'impresa
  Relatore: Raffaele Donvito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi