Skip to content

La redazione del sito Internet Eurosport e processi di attivazione nell'informazione sportiva

Congruenza delle mappe causali nel team

Come abbiamo visto, numerose sono le norme e convenzioni riguardanti il linguaggio da utilizzare. Le prime versioni dei report o dei preview sono interpretate liberamente dagli editors, non ci sono norme sulla lingua precise.
Queste sono state stabilite progressivamente nel tempo, articolo dopo articolo, per dare una certa uniformità alle interpretazioni da dare agli input da parte del team.
Ancora una volta, i cicli salienti si hanno nella fase di selezione, prima che l’articolo venga pubblicato. Questo è uno dei momenti in cui il team è in azione, in quanto vige la norma che gli articoli siano controllati dal coordinatore oppure vagliati collettivamente, quando ancora il coordinatore non era stato nominato.

Le regole della grammatica italiana riducono il numero dei cicli potenziali all’interno del team italiano, in quanto eliminano a priori le selezioni basate su altre lingue. Inoltre la selezione va fatta tenendo conto di altri standard sulle convenzioni terminologiche, sul gergo e sullo stile; di conseguenza le doppie interazioni, i confronti fra gli editors riguardano solo determinati tipi di interpretazioni.
Un articolo di report o un preview esiste nelle menti degli editors sotto forma delle variabili che essi scandiscono abitualmente e delle connessioni che essi deducono abitualmente fra queste variabili. Queste mappe vengono poi sovrapposte in occasione di un confronto, come visto sopra.

L’atto collettivo fondamentale nelle organizzazioni può essere quello dei membri, che cercano di negoziare il consenso su quali porzioni di un quadro attivato siano figura e quali sfondo. Più precisamente, i membri cercano di raggiungere collettivamente un qualche accordo accettabile, su quali porzioni di correnti di esperienza andrebbero scandite in variabili e quali connessioni fra quali variabili sono ragionevoli.
Così, quando si afferma che l’equivocità di un quadro attivato viene eliminata mediante cicli di comportamento intercomuni, si intende dire che i membri si confrontano su problemi specifici di scansione e di connessione; ad esempio sulla variabilità di posizioni dei giocatori in campo, la persona A fa un’ipotesi per il preview (questo giocatore starà su questa fascia), la persona B dà il suo parere e, a sua volta, A ne prende atto. Siamo nella fase in cui si etichetta un nome da applicare all’input. Inoltre la modalità che assume questa variabile tattica viene descritta (connessa) con un certo linguaggio, stile, sintassi.

Una volta che i membri raggiungono un accordo su ciò che è importante e ciò che è irrilevante nella loro esperienza, e una volta che raggiungono un qualche accordo sulla natura e la direzione delle connessioni fra questi elementi importanti, allora l’esperienza che essi hanno attivato acquista maggiore sensatezza, e cioè, si ha più sovrapposizione delle mappe separate immagazzinate nelle menti degli editors. Una maggiore probabilità che essi metteranno più strettamente in comune le loro modalità di stesura di un articolo, quando si troveranno di fronte a nuovi brani in futuro.

L’attribuzione di significato è un’attività ampiamente solitaria, nel senso che le strutture contenute entro menti individuali vengono imposte a correnti di esperienza individuali, che sono capaci di un numero infinito di ricostruzioni.
La rimozione dell’ambiguità, tuttavia, è sia un fatto sociale sia un fatto individuale.
Per ricapitolare, gli editors attivano un ambiente quando osservano una partita o hanno a disposizione del materiale da altri siti, il risultato di queste azioni sono delle espressioni ambigue. Sulla base di precedenti esperienze di elaborazione di articoli, gli editors impongono una struttura figura-sfondo a questa manifestazione attivata indifferenziata.

Questa struttura imposta, che ha la forma di una mappa di causalità, divide la manifestazione in una serie di variabili che vengono correlate attraverso legami causali ragionevoli.
Poiché rimane presente un’ambiguità residua dopo la sovraimposizione delle mappe causali, è necessario ottenere del consenso fra i membri su ciò che il team ha di fronte e su come va trattato. Essi attivano dei cicli di comportamenti concatenati per trattare l’ambiguità residua. Avendo reso più sensato l’ambiente costruito consensualmente, i membri archiviano le loro mappe causali riviste e presumibilmente più omogenee per imporle a circostanze future simili.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La redazione del sito Internet Eurosport e processi di attivazione nell'informazione sportiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ugo Federiconi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze strategiche
  Relatore: Stefano Zan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
web usability
informazione sportiva
web user interface
sports journalism
processi di attivazione ambientale
mappa causale
cognitive frames
teams
eurosport

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi