Skip to content

Disabilità: un limite anche per la clinica?

Prendersi cura della disabilità intellettiva

I riferimenti normativi, i documenti dell'OMS (ICF, 2001; ICF-CY, 2007; ICCC, 2002), nonché alcuni contributi presenti in letteratura rappresentano la cornice di riferimento del presente paragrafo avente ad oggetto il bisogno di superare, nell'ambito della disabilità, un modello strettamente clinico e del suo passaggio ad un modello che si potrebbe definire "clinico-sociale".
Tale trasformazione è giustificata dalla constatazione che la disabilità è una condizione esistenziale estremamente complessa in cui a bisogni di salute mentale, si affiancano bisogni affettivo-relazionali, di educazione, di integrazione sociale, scolastica e lavorativa. Il disabile per la sua condizione di vulnerabilità e di fragilità ha bisogno che gli altri si prendano cura di lui nell'interezza del suo essere, nel senso ontologico del termine, affinché si renda possibile la realizzazione della sua soggettività possibile.

Volendo qui riprendere concetti esposti nel capitolo II, il documento ICCC (OMS, 2002) pone al centro del sistema curante la triade composta dai pazienti e dalle loro famiglie, dai partner della comunità e dalle organizzazioni sanitarie.
L'idea guida di questo documento è che in una condizione cronica, la prevenzione ha un ruolo strategico e che si realizza una qualità di vita migliore, obiettivo del sistema di cura, quando ognuno degli elementi della triade viene considerato una risorsa essenziale da utilizzare pienamente. Questo concetto implica la costruzione di quello che Cerabolini e Comelli (2006, pag. 4) denominano
"costruzione di un campo allargato di cura": "Il tema del contesto (familiare, sociale, istituzionale) che continuamente ricorre quale riferimento decisivo a denotare la qualità degli approcci curativi, e le possibilità di intervento, si pone quindi come lo sviluppo naturale dell'attenzione posta ai gruppi e alle reti di sostegno. (…) Lo sviluppo di questo orientamento comporta la necessità di ripensare i temi della relazione tra figure di cura (operatori sociosanitari) e figure di contesto (educatori, insegnanti, volontari, familiari). Le persone presenti nello spazio di vita dell'individuo con disagio psichico possono fornire un importante apporto, a integrazione ed estensione di quanto riescono a fare gli specialisti)."


Elemento cardine sia dell'ICF (OMS, 2001) che dell'ICCC (OMS, 2002), è il concetto di qualità della vita che va inteso quale sentimento di soddisfazione che il singolo trae negli ambiti di interesse di vita, il che implica l'accoglimento del punto di vista soggettivo, in quanto ciò che può essere bene per uno, non lo è per un altro. È necessario cioè, ponendosi in una prospettiva rivolta al divenire futuro, porre al centro del progetto un soggetto nella sua unicità collocato in una certa famiglia e in uno specifico contesto sociale, ambientale e culturale.

Negli ultimi anni sono stati avviati in Italia dei progetti di sperimentazione che hanno cercato di tradurre i documenti OMS e una legislazione sulla promozione di vita del disabile tra le più avanzate, in un superamento effettivo del modello di cura che si presenta o come assistenzialistico o come bio-medico. In particolare, in questa sede, si vuole descrivere il progetto di sperimentazione del documento ICCC (OMS, 2002), nella Provincia di Reggio Emilia.
Il progetto è iniziato nel 2004, quando i rappresentanti di quattro Organizzazioni hanno firmato a Ginevra, il 29 Aprile 2004, un Accordo per l'applicazione, nella Provincia di Reggio Emilia, dei principi del documento OMS intitolato Innovative Care for Chronic Conditions: building blocks for action (2002), all'assistenza delle persone con disabilità intellettiva. Le organizzazioni che hanno firmato l'Accordo sono state: l'Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia, l'Università di Modena e Reggio Emilia, il Dipartimento "Injuries and Violence Prevention/Disability and Rehabilitation Team" dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'Associazione Fa.Ce, in rappresentanza delle Associazioni dei Genitori di Reggio Emilia. La sperimentazione poteva contare come valido presupposto di base, su di un Servizio Unificato Handicap Adulti, in cui viene superata la logica dicotomizzante tra funzioni sanitarie (di competenza dell'A.U.S.L.) e funzioni sociali (di competenza dei Servizi Sociali del Comune). Gli interventi sanitari vengono così raccordati con il contesto sociale, in modo che il significato di salute si viene sempre più delineando come imprescindibilmente legato agli stili di vita, alle reti di sostegno, alla qualità delle relazioni sociali, familiari, dei gruppi e delle comunità. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Disabilità: un limite anche per la clinica?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Tavano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Roberto Cerabolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

doppia diagnosi
disabilità intellettiva e psicoterapia
ritardo mentale e psicoterapia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi