Skip to content

La Balanced Scorecard nella gestione degli Enti Locali alcuni casi a confronto.

L'Italia, è un paese federalista?

Debito pubblico complessivo 30/09/2012: 1995 miliardi di Euro.
Come sappiamo, il bilancio degli Enti Pubblici si basa sulla tassazione e sugli asset; ma il problema del nostro debito pubblico, che rappresenta il 126.3% del rapporto debito/PIL, è dato dagli interessi che incidono sul debito.
Negli ultimi tempi, si è cercato in ogni modo di abbassare lo spread per far sì che l'incidenza degli interessi sia il minore possibile, visto e considerato che il loro ammontare è di 80 miliardi di Euro (pari a 8 manovre finanziarie).

Il rapporto deficit / PIL, come previsto dal trattato di Maastricht dovrebbe essere al 60% mentre, nella realtà è molto più alto.
Per il rapporto debito / PIL, annuale, il valore di 2,7% è in linea a quanto definito dal trattato.

Il debito degli Enti Locali, al 30/09/2012, è di 117 miliardi di Euro, una cifra esigua, perché il comparto incide sul debito pubblico complessivo nella misura del 5,56%.

Tagliare gli apparati, come il processo di accorpamento delle Province, permette di risparmiare qualcosa, ma non incide in maniera significativa.
Il taglio dei diversi costi, è un piccolo passo per la risoluzione di un problema che è molto più grande di quello che appare; inoltre, per il suddetto taglio, bisognerà capire a chi andranno le competenze che spettavano alle Province.

Prendendo in considerazione il parametro di Maastricht del 60%, nel 2010, tutti i Paesi Europei avevano un valore del debito sicuramente maggiore.
L'Italia era ed è molto simile alla Grecia.
Scendendo maggiormente nel dettaglio degli Enti Pubblici locali, nel corso del tempo (periodo dicembre 2002 – 2012), il debito è progressivamente aumentato.

Chi paga il debito dei comuni?

Il cittadino attraverso le imposte e le tasse che puntualmente ogni anno vediamo crescere.

La legge 42 riguardante il federalismo, doveva rappresentare il trasferimento di maggiori competenze agli Enti Locali e, parallelamente, un abbassamento delle imposte a livello statale affinché il cittadino non debba subire una doppia elevata tassazione.
In realtà, le imposte statali sono rimaste sostanzialmente invariate; mentre quelle locali sono progressivamente cresciute.

La riforma del titolo V affidava agli Enti Locali, un'autonomia di spesa e con maggior utilizzo del debito pubblico per gli investimenti.
Il debito è aumentato, ma gli investimenti non si sono visti in termini di efficienza (per sprechi, crisi economica).
Si è creato un federalismo sostanzialmente al contrario.

Prendiamo in considerazione la sanità e la gestione dei rifiuti.

La sanità è stata "regionalizzata" attraverso il decreto 56/2000 con un processo di decentramento
dallo stato verso le regioni.
A oggi, infatti, abbiamo venti modelli regionali diversi che operano in diverso modo.
Fatto 100% il bilancio di una regione, l'80% è rappresentato dalle spese sanitarie.

Queste spese come si finanziano?
La stragrande maggioranza delle risorse proviene dall'IRAP che è un'imposta di carattere statale girata interamente alle regioni.
A questa si aggiunge l'addizionale regionale e i ticket.

Passiamo alla TARSU o TARES, ossia il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani, che un'imposta che viene pagata dai cittadini all'amministrazione locale che la utilizza quasi interamente per finanziare il servizio.
È difficile, a oggi, che le Amministrazioni Locali riescono a coprire il costo del servizio con la sola imposta.

Perché?

Perché parte del gettito va alle Province.
Quindi i Comuni hanno solo l'80% del gettito da usare per la raccolta dei rifiuti.

La legislazione del Federalismo fiscale

I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa, nel rispetto dell'equilibrio dei relativi bilanci, e concorrono ad assicurare l'osservanza dei vincoli economici e finanziari derivanti dall'ordinamento dell'Unione Europea.

I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.
Dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibile al loro territorio.

La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo, senza vincoli di destinazione, per i territori con minore capacità fiscale per abitante.
Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti consentono ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro attribuite.
Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici e sociali, per favorire l'effettivo esercizio dei diritti della persona, o per provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni.

I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere all'indebitamento solo per finanziare spese di investimento, con la contestuale definizione di piani di ammortamento e a condizione che per il complesso degli enti di ciascuna regione sia rispettato l'equilibrio di bilancio. E' esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi contratti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Balanced Scorecard nella gestione degli Enti Locali alcuni casi a confronto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Riva
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione e libera professione
  Relatore: Alberto Bubbio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi