Skip to content

Sull'illegittimità della pratica dei respingimenti in alto mare operati dal Governo italiano: l'intervento della Corte europea dei diritti dell'uomo

Le violazioni delle norme della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali

Ultimo e più importante passaggio della sentenza, riguarda l'analisi dell'eventuale violazione dei tre articoli. Nelle parti seguenti sarà dunque analizzato il procedimento attraverso cui la Corte è giunta alla sua decisione finale.
Come si è scritto precedentemente, i ricorrenti lamentano la violazione di tre articoli: articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, firmato a Strasburgo il 16 settembre 1963, articolo 4 del Protocollo n° 4 ed infine l'articolo 13.

In riferimento alla violazione dell'articolo 3, relativo al divieto di pene e i trattamenti inumani e degradanti, la Corte ha suddiviso le sue osservazioni in due diversi aspetti. Il motivo è dovuto al fatto che il rischio di violazione di tale articolo poteva sussistere sia nel caso di respingimento verso la Libia, sia nel caco di successivo allontanamento verso i Paesi di provenienza dei ricorrenti. Ciò che di fatto deve essere deciso è l'esistenza dell'effettivo rischio di torture nei due Stati e l'eventuale responsabilità del Governo italiano di aver rimpatriato verso Paesi non sicuri i migranti intercettati, violando così il principio di non refoulement.

In merito alla situazione in Libia, il Governo italiano non solo ritiene l'operazione del 6 maggio 2009 pienamente conforme sia al diritto internazionale sia al trattato di amicizia stretto con la Libia ma ritiene anche che il Governo libico, avendo ratificato il Patto internazionale delle Nazioni Unite relativo ai diritti civili e politici, la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti e la Convenzione dell'Unione africana sui rifugiati in Africa, nonché la sua appartenenza all'Organizzazione internazionale per le migrazioni, sia da ritenersi Paese sicuro. Il Governo italiano riporta anche all'attenzione della Corte il fatto che, nonostante la Libia non abbia ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite relativa allo status dei rifugiati, con il Trattato di amicizia del 2008, questa si era espressamente impegnata a rispettare i principi della Carta delle Nazioni Unite e della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Ciò che sostiene l'Italia è che, in base alle sue informazioni, non avrebbe avuto alcun motivo di pensare che la Libia si sarebbe sottratta ai suoi impegni, sostenendo così che, nel caso in cui si constatasse il rischio effettivo di violazione dell'articolo 3, essa non avrebbe alcuna responsabilità in merito e dunque non avrebbe violato il principio di non refoulement.

Quanto invece la Corte afferma è in contrasto con la posizione presa dal Governo italiano. La Corte, infatti, afferma che, nonostante la Libia sia sottoposta ad obblighi internazionali, è noto come questa non li rispetti, tesi confermata da numerosi rapporti di organizzazioni non governative, come Human Rights Watch che, attraverso rapporti pubblicati tra il 2006 e il 2009, ha denunciato la politica adottata dal Governo libico, evidenziando come, in mancanza di un sistema nazionale di asilo, i migranti irregolari in Libia siano spesso sottoposti ad arresti arbitrari, torture, violenze fisiche, compreso lo stupro. In qualsiasi momento, i migranti detenuti potrebbero inoltre essere respinti verso il Paese di origine o, addirittura, abbandonati nel deserto.
L'HRW riporta, inoltre, alcune testimonianze simili a quelle dei ricorrenti, in cui si sosteneva che, in altre circostanze simili, i militari italiani avessero fatto credere alle presone intercettate di essere condotte in Italia mentre, con l'inganno, venivano riportati in Libia, spesso ammanettati e subendo violenze fisiche. Secondo l'HRW, infine, almeno cinque dei migranti respinti in Libia e riusciti poi a tornare in Italia, sono riusciti a farsi concedere lo status di rifugiato. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sull'illegittimità della pratica dei respingimenti in alto mare operati dal Governo italiano: l'intervento della Corte europea dei diritti dell'uomo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Saibene
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Filippo Scuto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi