Skip to content

I bambini che parlano tardi (Late talkers)

Il bambino “mancino” e il bambino “late talkers”

Fra un bambino “mancino” e un bambino “late talker” vi sono dei punti in comune che è il caso di evidenziare.

Premesso che il mancinismo non è una disgrazia e neppure una vergogna, in queste anormalità, vere o presunte, che possono entrambe farsi risalire a pressioni educative subite durante l’infanzia, si riscontrano alcuni punti di contatto. Viviamo in una società che tende a emarginare chi, nascendo, per disavventura, procedendo nella crescita, non sviluppa le proprie attitudini come tutti gli altri, e sotto quest’aspetto persone con difetti nell’espressione linguistica (balbuzienti, late talkers e sim.) o affette da mancinismo, di certo per la nostra società sono degli svantaggiati. I destrimani hanno costruito un mondo su misura per loro, disegnando attrezzi per rendere più facile la loro vita complicando invece quella dei mancini.

Si pensi alla difficoltà di un mancino nel guidare un’automobile, che nella totalità dei casi, ha i comandi posizionati nella destra del guidatore. Un mancino è pertanto un disadattato, i destrimani lo considerano un anormale, ma come immaginare che fossero “anormali” personaggi illustri come Leonardo da Vinci, Pablo Picasso, Charlie Chaplin, Carlo Magno, e per rifarci a tempi recenti la famosa Marilyn Monroe?

In modo analogo nessuno riterrà “anormale” Demostene, il famoso oratore greco, o Alessandro Manzoni perché balbuziente, oppure Albert Einstein o Thomas Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti, noti come late talkers. In quest’ultima categoria possiamo far rientrare anche Benito Mussolini, che nella letteratura relativa ai late talkers finora è del tutto ignorato. Si racconta che i suoi genitori, vedendo che il bambino non parlava, quando avrebbe dovuto farlo come tutti gli altri, erano molto preoccupati, e, avendo chiesto a un dottore il motivo dell’allarmante mutismo (Dottore, perché il bambino non parla?) ebbero una risposta molto rassicurante (“State tranquilli, parlerà, parlerà!”).

In verità il difetto del balbuzienti si protrae in genere per tutta vita, e difficilmente si può correggere il mancinismo, che ha pure riflessi di tipo linguistico, soprattutto nella grafia , perché i mancini hanno difficoltà a percepire oggetti o segni orientati diversamente, e pertanto confondono spesso lettere come la d e la b o la m e la n.

Infatti, non distinguendo bene i due lati, destro e sinistro, del proprio corpo, hanno difficoltà nel riconoscere l’esatta determinazione spaziale. Poiché a dominare le nostre azioni e comportamenti è il nostro cervello, nel caso dei destrimani l'emisfero cerebrale sinistro è dominante, ciò determina una preferenza manuale destra e il prevalere del pensiero logico-analitico, nei mancini la dominanza appartiene all'emisfero destro, quindi si stabilisce una preferenza manuale sinistra e una prevalenza del pensiero intuitivo e della creatività. In questo caso il problema e abbastanza serio, e più difficile da risolvere che non nel caso di un bambino late talkers.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I bambini che parlano tardi (Late talkers)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alfina Greco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Martino Ruggieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguaggio
bambini
ritardo
late bloomers
late talkers
disturbo linguaggio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi