Skip to content

L’impatto della crisi sul mercato del lavoro giovanile: come evitare una lost generation?

Generazione NEET: gli orfani del futuro

All'interno del problema della disoccupazione generale descritto nel capitolo precedente, ne esiste uno ulteriore più specifico. Si tratta della disoccupazione giovanile. I giovani, cioè gli individui tra i 15 e i 24 anni, possono essere considerati le vere vittime della recessione economica attuale. Questa, ha messo a dura prova i mercati del lavoro ma ancor di più, ha prodotto effetti gravi sulle possibilità occupazionali dei giovani; un aspetto decisamente importante, poiché sta producendo profonde conseguenze sul futuro delle giovani generazioni e quindi dell'intera popolazione mondiale. Le opportunità di ottenere o mantenere un impiego per i giovani si sono significativamente ridotte ed il calo dell'occupazione non ha portato però ad un aumento degli studenti o dei giovani impegnati in percorsi formativi. Questa nuova categoria di giovani, compresa nella fascia d'età 15-29 anni, il cui numero ultimamente è andato crescendo, è chiamata "NEET", cioè "Not (engaged) in Education, Employment or Training", acronimo che indica un settore di popolazione svantaggiata, che non lavora e sembra non aver contatti, né aspirazioni verso il mondo del lavoro e che non è inserita in percorsi di istruzione (scuola/università) o di formazione. L'acronimo NEET è stato usato per la prima volta nel Regno Unito alla fine degli anni Ottanta, per definire una modalità alternativa di categorizzazione dei giovani in seguito ai cambiamenti occorsi nelle politiche in materia di indennità di disoccupazione. Da allora, l'interesse per il gruppo NEET è cresciuto a livello politico nell'UE e definizioni equivalenti a "NEET" sono state create in quasi tutti gli Stati membri. La necessità di concentrarsi maggiormente sui NEET è ora centrale per la nuova serie di orientamenti integrati per le politiche economiche e occupazionali proposti dalla Commissione europea. Questa categoria viene in genere collocata nella fascia di età 15-24 anni ma ormai, proprio a causa della crisi in atto, in alcune indagini si arriva a comprendere anche popolazioni fino a 35 anni. Paradossalmente è la generazione che ha studiato di più nella storia, ma non riesce a trovare un impiego. «Se si potessero raccogliere tutti in una nazione, i giovani disoccupati sarebbero un Paese popoloso come gli Stati Uniti. Nel mondo, sono 290 milioni le persone fra i 15 e i 24 anni che non hanno un impiego, non studiano o non stanno facendo un tirocinio. Lo stima la Banca Mondiale, secondo la quale un quarto dei giovani, ormai, non ha prospettive, ma anche chi lavora, molto spesso, ha solo un impiego temporaneo o non regolato. Nel mondo industrializzato, la condizione di NEET, si applica 26 milioni di giovani. Un terzo degli Under 24, dunque, non ha nulla da fare e non fa nulla. L'International Labour Office stima che nel 2018, ancora il 12,8% dei giovani sarà senza lavoro e oggi siamo al 12,6%. Un terzo dei giovani impiegati nel mondo industrializzato e un quinto nei Paesi in via di sviluppo ha un contratto a tempo determinato o flessibile. Il risultato è che la metà dei giovani contribuisce meno di quello che potrebbe alla produttività del proprio Paese. Per effetto della crisi il numero di giovani che non sono occupati, né impegnati in corsi di studio o formazione è aumentato globalmente, anche se le peggiori performance si registrano nel contesto europeo. Le dimensioni del problema parlano da sé: sulla base delle stime Eurostat più recenti, nel 2013 la percentuale di giovani NEET nella fascia di età 15-24 era del 15,8% nei 27 paesi dell'UE, percentuale che corrisponde a circa 8 milioni di giovani. L'Eurofound ha calcolato che nei paesi dell'Unione Europea, si possono contare circa 14 milioni di giovani NEET.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’impatto della crisi sul mercato del lavoro giovanile: come evitare una lost generation?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Mariano Egidi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione e del governo
  Relatore: Marcello Signorelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi economica
generazione perduta
disoccupazione giovanile
crisi giovanile
apprendistato , riforma del lavoro
flexicurity, riforma dell'istruzione
neet, generazione neet
disoccupazione italia
crisi globale, debito sovrano
crisi debito europa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi