Skip to content

Cambio di gioco. Un nuovo modo di raccontare il calcio

Telecronaca - regia: un binomio di ferro

Come ribadito più volte nel corso della tesi, l'esito positivo di una telecronaca è frutto del duro lavoro di squadra tra i diversi protagonisti incaricati alla produzione del racconto di una partita di calcio. Fra tutti spiccano il telecronista e il regista, che rispettivamente, attraverso la comunicazione orale e la comunicazione attraverso le immagini, riescono a creare una vera e propria narrazione. Spesso la bravura del regista può fare azzardare un paragone, ovvero la produzione registica di una partita sembra sempre più simile alla produzione registica di un film. Telecronaca e regia si completano. Il telecronista deve avere ben chiare le esigenze propriamente giornalistiche del programma e deve farsi guidare da criteri giornalistici e non da altro. Non del proprio narcisismo professionale che ha come scopo un virtuosismo tecnico fine a se stesso. Lo scopo primario deve essere quello di informare attraverso le immagini. Il telecronista quindi si attende un racconto per immagini costruito con gli stessi obiettivi della sua telecronaca e con gli stessi criteri professionali. Così il regista nutre la legittima aspettativa che le immagini che offre vengono colte e utilizzate al meglio dal telecronista che, attraverso il suo stile strettamente personale, completa la produzione della narrazione dell'evento. Ovviamente il ruolo del regista si è modificato ed evoluto nel tempo. Lo certifica la visione delle immagini proposte al telespettatore durante un incontro di calcio. Adesso è necessaria una certa interpretazione da parte di chi guarda la partita da casa. Il regista e il telecronista non prendono più per mano lo spettatore perché adesso quest'ultimo possiede gli strumenti necessari per interpretare determinati sviluppi di gioco senza l'aiuto del racconto tautologico del telecronista, così come avveniva parecchi anni fa.

Riprendendo l'idea di Aldo Grasso possiamo dunque sottolineare il fatto che il racconto del calcio si modifica anche in rapporto al ruolo del telespettatore che adesso è diventato di primo piano e certamente più cosciente e abile nella percezione e interpretazione dell'evento. Non esiste più lo spettatore spaesato e ciò consente un racconto più innovativo sia a livello linguistico che tecnico. La ripresa televisiva offre un prodotto e una fruizione diversa e per molti versi più accattivante in quanto, oggi, il linguaggio delle telecamere, consente di osservare con possibilità nuove rispetto al passato: vedere l'atleta in primo piano, seguirlo nel gesto atletico attraverso effetti prima non realizzabili, partecipare alla sua reazione, a quella dei compagni, degli avversari, del pubblico presente nello stadio che oggi diventa parte integrante del racconto di una partita, situazione che prima non accadeva e non si pensava neanche lontanamente. Questo è il moderno racconto per immagini, il risultato del lavoro coordinato di operatori, tecnici, mixer video, mixer audio, addetti ai replay, grafici e regista.

Lo spazio e il tempo sono i due parametri su cui si imposta la ripresa dell'avvenimento sportivo. L'inquadratura interpreta lo spazio mentre la successione delle inquadrature realizza il tempo dell'evento. Possiamo dire che la ripresa televisiva si occupa della fenomenologia dell'evento, ovvero dell'evento come fenomeno visibile che si realizza nello spazio fisico e nel tempo reale. Le immagini possono solo far vedere ciò che appare ma non ciò che significa. Il resto è compito del telecronista e del telespettatore e della loro capacità di interpretazione. Il regista si occupa della fenomenologia dell'evento e non dell'ontologia. Dell'atleta è possibile coglierne le tensioni, seguire lo sguardo dell'avversario, vedere una lacrima o un'espressione di gioia. Il primo atto operativo del regista per dare il via al racconto è il posizionamento delle telecamere nel campo di gioco, strategia essenziale per la costruzione delle sequenze. Posizionare le telecamere secondo determinati criteri costituisce l'architettura stessa del linguaggio. Le innovazioni a livello visivo, quindi la novità dello zoom, del replay, delle radio camere o della grafica, modificano profondamente il linguaggio e rivoluzionano i parametri di spazio e tempo. Il racconto diventa più frenetico e scorrevole grazie a queste innovazioni che incidono fortemente nel ritmo della partita. Il tempo reale della partita, oggi, è invaso dal tempo virtuale del ralenty, del replay che interferisce nel linguaggio utilizzato dal telecronista, annullando di conseguenza pause e tempi morti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cambio di gioco. Un nuovo modo di raccontare il calcio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nunzio Alessandro Bellomonte
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Giornalismo e comunicazione d'azienda
  Relatore: Sandro Volpe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi