Skip to content

Il disagio nella professione dell'avvocato. Una prospettiva internazionale

Il Maslack Burnout Inventory (MBI)

Il Maslack Burnout Inventory è lo strumento di misura, come già detto precedentemente, messo a punto dalla Maslach e dalla Jackson (1986) per comprovare l'esistenza della sindrome, dato che fino ad allora gli studi realizzati si erano basati su descrizioni individuali o su analisi correlazionali (Maslach & Jackson, 1986). Le Autrici hanno impiegato otto anni di ricerche per arrivare alla versione attuale dello strumento: la prima versione era costituita da quarentasette items, i quali servivano per misurare ciascuno sia l'intensità che la frequenza dei sentimenti riguardanti l'attività lavorativa.

In seguito a verifiche di significatività sono arrivate alla versione definitiva, che comprende ventidue items, suddisi tra le tre dimensioni della sindrome, esaurimento emotivo (9 items), depersonalizzazione (5 items) e realizzazione personale (5 items), che si erano evidenziate nelle loro analisi fattoriali e sono state considerate sottoscale. Il burnout può essere letto sia in chiave dicotomica (presente od assente), che come variabile continua essendo un processo che si sviluppa gradualmente (considerando i vari livelli, basso, moderato od alto, dei sentimenti provati: ha un basso grado di burnout colui che ha un basso livello di esaurimento e depersonalizzazione ed alto di realizzazione, ha un medio grado di burnout colui che ha un livello medio di tutt'e tre le dimensioni; ha un alto grado di burnout colui che ha un livello elevato di esaurimento e depersonalizzazione e basso di realizzazione) ed, inoltre, i risultati possono essere espressi considerando le singole dimensioni oppure considerando un risultato unico ricavato dalle tre sottoscale.

La prima elaborazione del questionario, la Maslach Burnout Inventory ± Human Services Survey (MBI-HSS) (Maslach & Jackson, 1986), con le sue differenti versioni (per esempio la messa a punto di quella italiana fu avviata nel 1983 dalla stessa Maslach), era indirizzata esclusivamente allo studio del burnout nei lavoratori dei servizi sociosanitari, una seconda elaborazione, la Maslach Burnout Inventory Educators Survey (MBI-ES) (Maslack, Jackson & Leiter, 1996) fu indirizzata ai lavoratori nel campo educativo, in cui sono stati adattati alcuni items dell'MBI-HSS. Nel 1996 Maslach, Jackson e Leiter svilupparono anche una terza elaborazione dello strumento, l'MBI -General Survey (MBI-GS) (Maslack, Jackson & Leiter, 1996), per tutti gli altri lavoratori anche non impiegati nello stretto contatto con la gente. Il burnout in questo caso è inteso come uno stato di esaurimento del lavoratore, di cinismo e di disinteressamento al lavoro.

Le sottoscale prese quindi in considerazione sono quella dell'esaurimento, del cinismo e dell'efficacia professionale ed un alto grado di burnout corrisponde ad un alto livello di esaurimento e cinismo e basso livello di efficacia professionale. Le dimensioni del cinismo e dell'efficacia professionale si rassomigliano molto a quelle dell'esaurimento emotivo e della realizzazione professionale, mentre il cinismo è sostanzialmente diverso dalla depersonalizzazione (distacco emotivo dagli utenti) riferendosi ad un distanziamento mentale dal lavoro come reazione alla fatica psicofisica ed alle problematiche lavorative. Nel 2004 Maslach e Leiter presentano un altro strumento da affiancare all'MBI-GS, la Areas of Worklife Scale (AWS) (Leiter & Maslach, 2004), un breve questionario col quale viene data importanza alle variabili organizzative che, insieme a quelle individuali,
potrebbero incidere nell'insorgenza della sindrome.

In particolare sono indagate le Aree della vita lavorativa, che avevano individuato come luogo di discrepanza tra la natura dell'uomo e quella del lavoro (carico lavorativo, grado di controllo sulla propria attività, ricompense e riconoscimenti ricevuti, senso di comunità, equità e valori), ed il grado di accordo tra le necessità individuali ed i vantaggi od ostacoli posti dall'organizzazione, per individuare i punti nevralgici della stessa e poter progettare degli interventi, orientati al coinvolgimento e l'impegno, atti a prevenire o curare il burnout.

Infatti si ricorderà che alla base vi era l'idea che a prescindere dalle caratteristiche di personalità di un individuo, chiunque entrasse a far parte di un'organizzazione in burnout, manifesterà sintomi di disagio, magari con un tempo diverso dipendente dalle proprie caratteristiche personali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il disagio nella professione dell'avvocato. Una prospettiva internazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Sulcis
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marina Mondo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi