Skip to content

La valutazione dell’adeguatezza nel servizio di consulenza agli investimenti

La qualificazione su richiesta: upgrading e downgrading

Dopo il 1° novembre 2007, gli intermediari hanno dovuto provvedere a riclassificare la clientela in modo analitico secondo le disposizioni appena citate in conformità alla normativa.

Il sistema introdotto dalla MiFID si caratterizza proprio per la peculiarità che la classificazione della clientela è mobile, permettendo a ciascun cliente avente diritto di richiedere una diversa classificazione e di conseguenza mutare il suo grado di tutela in materia d’investimenti finanziari.
Tale processo di aggiornamento può far riferimento sia in via generale, sia essere circoscritto a specifici servizi, attività, strumenti finanziari, prodotti o operazioni. Inoltre la modifica dello status di appartenenza può essere richiesto sia su iniziativa dell’intermediario sia su iniziativa del cliente.

La facoltà, riconosciuta in capo ai clienti, di spostarsi tra le diverse categorie, comporta l’esigenza che gli intermediari si vengano a dotare di procedure differenziate, variando le regole di condotta e dovendosi assolvere a differenziati obblighi informativi in funzione della tipologia del cliente.

In primo luogo è possibile che sia clienti professionali sia le controparti qualificate richiedano un trattamento pari a quello spettante ai clienti retail, con lo scopo di ottenere una maggiore tutela.
In entrambe le fattispecie è sufficiente la sottoscrizione di un accordo, dove le parti convengono il maggior livello di protezione richiesto dal cliente, indicando i servizi, le operazioni e i prodotti ai quali farà capo come cliente al dettaglio.

Questa “personalizzazione” dello status prende il nome di downgrading e non necessariamente presenta una portata a livello generale in materia di tutela.
Analogamente il passaggio di upgrading avviene quando un cliente retail voglia essere considerato alla stregua di un cliente professionale.
Questo, diversamente dal downgrading, è consentito solo attraverso il superamento di condizioni molto stringenti e i motivi non sono riconducibili in termini di tutela.

Infatti, le ragioni di upgrade risiedono nella volontà del cliente di poter agire con maggior autonomia nell’investimento del proprio patrimonio.
Tale richiesta è rimessa alla valutazione dell’intermediario che può accogliere o meno la proposta di modificare lo status di quest’ultimo.
L’intermediario potrà acconsentire all’upgrading solo quando l’esito di una specifica valutazione sostanziale in termini di esperienza, competenza e conoscenza del cliente sia ragionevolmente idonea a dimostrare che il soggetto che prende decisioni in materia di investimenti sia pienamente consapevole della portata dei rischi connessi.

La valutazione prevede ad accertare la sussistenza di almeno due dei seguenti requisiti:

* Il cliente ha effettuato operazioni di dimensioni significative sul mercato in questione con una frequenza media di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti;

* Il valore del portafoglio di strumenti finanziari del cliente, inclusi i depositi in contante e gli strumenti finanziari, deve superare 500.000 euro;

* Il cliente lavora o ha lavorato nel settore finanziario per almeno un anno in una posizione professionale che presupponga la conoscenza delle operazioni o dei servizi previsti.

In assenza dei sopracitati requisiti, l’intermediario dovrà rifiutare la richiesta di upgrade notificandolo al cliente.
Nel caso in cui le condizioni sussistano e i requisiti sono soddisfatti, avviene la procedura di aggiornamento della status del cliente a cui dovrà seguire un preciso iter disciplinato dal Regolamento Intermediari nel rispetto della Direttiva MiFID.

Come prima cosa il soggetto dovrà comunicare per iscritto all’intermediario la volontà di essere trattato come un cliente professionale precisando se tale cambiamento riguarderà in via generale i suoi rapporti oppure singole operazioni o servizi finanziari.

In secondo luogo sarà il medesimo intermediario a informare il cliente attraverso comunicazione scritta delle conseguenze derivanti da tale aggiornamento.
L’intermediario farà riferimento alla perdita di tutela precedentemente riconosciuta come cliente al dettaglio. Infine il cliente dovrà notificare nuovamente per iscritto di essere informato delle conseguenze derivanti attraverso documentazione separata al contratto.

Nel caso in cui la richiesta di upgrading provenga da una società o persona giuridica, il riconoscimento della qualifica avviene sulla base dell’accertamento della legittimità del rappresentante legale.

Quest’ultimo sarà tenuto a rilasciare la dichiarazione e a sostenere la valutazione di carattere sostanziale necessaria per essere riconosciuto come cliente professionale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La valutazione dell’adeguatezza nel servizio di consulenza agli investimenti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Lokar Pignatari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Flavio Pichler
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

consulenza
orientamenti
adeguatezza
appropriatezza
consulenza indipendente
mifid 2
questionario di profilatura
linee guida esma
mifid review
classificazione della clientela

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi