Skip to content

Il cappotto termico per un risparmio sostenibile

L’ Edificio Sostenibile?

Quasi tutti hanno sentito parlare di "sviluppo sostenibile" ma pochi comprendono realmente il significato di questo termine alla moda, ampiamente utilizzato dai governi, dalle aziende, dalle organizzazioni ambientali e sociali ed anche dai media, spesso in maniera impropria.

La definizione che ho ritenuto più appropriata è la seguente:
<“strong>Lo sviluppo sostenibile è un concetto molto semplice. Significa garantire una migliore qualità della vita per tutti, nel presente e per le generazioni future.” - Opportunities for Change, Department of the Environment, Transport and the Regions, 1998.

Questa definizione parla di una migliore qualità della vita per tutti, compresi gli abitanti dei paesi in via di sviluppo. Sviluppo sostenibile significa quindi migliorare la qualità della vita.

Gli edifici sostenibili non sono facilmente definibili. Spesso conosciuti come edifici verdi o eco-case, ci sono diverse opinioni su ciò che può essere classificato come una casa sostenibile. E’ generalmente accettato che gli edifici verdi sono strutture progettate, costruite, ristrutturate e gestite in accordo con linee guida per l’alta efficienza energetica e che avranno un impatto positivo sull’ambiente, sull’economia e sul sociale per tutto il loro ciclo di vita.

In questo senso è importante capire come si può perseguire la sostenibilità nelle opere di recupero e di restauro, e soprattutto, ai fini della certificazione energetico-ambientale, come i sistemi di certificazione attualmente in uso possono essere utilizzati a questo scopo.

Innanzitutto il patrimonio edilizio esistente è di rilevante importanza, dato che è sicuramente la parte più sostanziosa del settore edilizio rispetto alle nuovecostruzioni. Gli edifici vanno molto spesso recuperati e sono comunque soggetti ad interventi di manutenzione per garantirne l’integrità e per durare nel tempo.

Il patrimonio edilizio italiano è stato edificato in gran parte prima degli anni ’70, durante il secondo dopoguerra, con il boom della ricostruzione; in questo contesto storico, e soprattutto ancora ignari della crisi economica che di lì a poco si sarebbe propagata, i progettisti non ponevano l’attenzione alla questione energetica e ambientale, per cui gli edifici raramente risultavano provvisti di un efficace isolamento termico, e ancora più raramente erano dotati di sistemi per il guadagno termico.

In verità la tendenza andava proprio nella direzione opposta rispetto alle conclusioni che le discussioni sulla sostenibilità ad oggi stanno portando avanti; infatti con lo svilupparsi delle tecnologie, è aumentata anche la richiesta di un più alto standard di qualità della vita all’interno dell’edificio. Questa domanda è stata soddisfatta da un utilizzo smodato e incontrollato degli impianti tecnologici e aumentando il fabbisogno energetico degli edifici a tal punto che la progettazione da allora si e sempre basata sulla efficienza degli impianti tralasciando l’efficienza del sistema edilizio nella sua globalità. Solo per il fatto che tali edifici sono arrivati funzionanti ed interi fino ai nostri giorni, possono già essere considerati sostenibili; la prima fonte rinnovabile è l’energia risparmiata pertanto risparmiando i materiali e l’energia richiesta per la costruzione è stato messo in pratica un principio di sostenibilità.

Il recupero per questi edifici è un tema molto delicato. Oltre ai normali vincoli di progetto creati dagli stessi edifici, ci troviamo di fronte ad altri vincoli imposti dai regolamenti edilizi e dalle amministrazioni comunali; l’applicazione dei principi di sostenibilità richiederebbe una liberta di azione che molto spesso tali vincoli non consentono.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il cappotto termico per un risparmio sostenibile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dario Lepore
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria edile
  Relatore: Maurizio Nicolella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

edilizia sostenibile
cappotto termico
consumi medi abitazione
spesa annua energetica
edifici sostenibili
preventivo cappotto termico
a chi conviene il cappotto termico
abstract tesi cappotto termico
power point tesi cappotto termico
cappotto termico in poliuretano espanso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi