Skip to content

Applicazione della metodologia Life Cycle Assessment alla produzione della birra

Confronto tra le performance ambientali in Italia

Prendiamo ora in considerazione i dati relativi all’attività produttiva posta in essere dai gruppi di nostro interesse in Italia. Opportuno risulta premettere che i valori relativi all’anno 2013 per Heineken Italia rappresentano i target fissati dall’azienda per lo scorso anno in quanto dati effettivi non sono stati ancora pubblicati non essendo ancora disponibile la versione 2013 del bilancio di sostenibilità.

Per ragioni di uniformità assumiamo quindi che l’azienda per lo scorso anno abbia raggiunto gli obiettivi fissati. Iniziando dai consumi energetici si può notare subito un maggiore avvicinamento tra i profili delle tre società con riferimento all’attività produttiva svolta nel nostro paese rispetto al caso di produzione globale a livello di gruppo.

Questo implica che sul nostro territorio l’attività svolta da SABMiller, per tramite dei birrifici Peroni, risulta più efficiente rispetto alla performance media del gruppo tant’è che a partire dal 2012 i consumi specifici per Peroni son risultati essere più bassi rispetto ai target di Heineken Italia. Peroni s.p.a presta elevata attenzione al recupero energetico: per esempio nella fase produttiva del mosto, l’energia termica, consumata in Sala Cotte, viene parzialmente recuperata tramite condensazione dei vapori generati. Inoltre da diversi anni gli stabilimenti di Roma e Bari producono mosto con ebollizione “dinamica”: un processo che ha come effetto un minor consumo di vapore in Sala Cotte.

Lo stabilimento di Roma è inoltre dotato di un impianto di cogenerazione a metano per la produzione congiunta di energia termica ed energia elettrica. Grazie a questo impianto il 30% dell’energia inviata al cogeneratore viene recuperata sotto forma di acqua calda e vapore. All’impianto di cogenerazione sono stati riconosciuti circa 1.000 titoli di efficienza energetica all’anno (o comunemente detti “Certificati bianchi”) che attestano i risparmi energetici conseguiti attraverso la realizzazione di specifici interventi.

Per quanto concerne le emissioni di CO₂ e gas con analogo impatto in termini di riscaldamento globale, per una questione di disponibilità di dati, abbiamo dovuto distinguerle tra emissioni totali ed emissioni dirette derivanti dall’utilizzo di combustibili fossili per la produzione di energia termica. Dal primo grafico si può notare come i valori relativi all’attività di SABMiller nel nostro paese si collochino notevolmente al di sotto della media di gruppo tanto da risultare inferiori rispetto a quelli riportati per Heineken Italia che risultano invece leggermente più elevati rispetto ai dati di Heineken Group.

Con riferimento alle sole emissioni dirette invece, che in proporzione rispetto alle emissioni indirette risultano essere maggiori per via del maggior consumo relativo di energia termica, negli ultimi anni si è verificato un avvicinamento tra i profili di Carlsberg Italia e Peroni e le emissioni di quest’ultimo sono risultate inferiori rispetto alle emissioni di Carlsberg Italia a partire dal 2012.

Questo fa presupporre che, essendo l’energia termica consumata dal produttore danese nel nostro paese comunque inferiore rispetto a quella consumata da Peroni, quest’ultima azienda evidentemente fa maggior uso di combustibili eco-friendly con conseguenti minori emissioni dirette di CO₂ e gas equivalenti. L’utilizzo del biogas ê infatti una realtà negli impianti di Padova e Roma, dove viene sfruttato come combustibile insieme al metano per la produzione di vapore e nell’impianto dello stabilimento di Bari dove è utilizzato come unica risorsa per la produzione di energia termica ed elettrica. Il biogas, costituito per il 50%-80% da metano, è una delle maggiori fonti di energia alternativa.

Questo biocombustibile gassoso si ottiene dalla decomposizione del materiale organico di scarto proveniente dai processi di produzione del mosto e della birra. Nel 2013 la produzione interna di biogas (30.544 GJ) è stata sufficiente a coprire il 10,4% del fabbisogno totale di energia termica utilizzata per i processi industriali.

Con riferimento al consumo di acqua il produttore più efficiente si è dimostrato Peroni, con valori in linea con i dati riportati dal gruppo SABMiller. Heineken Italia e Carlsberg Italia hanno dato luogo invece ad una performance peggiore rispetto alla media di gruppo con valori registrati nel 2013 pari a 4,6 hl/hl contro i 3,3 e 4,1 hl/hl rispettivamente per Carlsberg Group e Heineken Group.

Infine, i dati che rendono piuttosto difficile individuare la società che ha performato nel migliore dei modi nel nostro paese, in quanto si accavallano ripetutamente, riguardano la produzione di rifiuti non riciclabili/recuperabili destinati quindi inevitabilmente allo smaltimento in discarica.
Considerando l’ultimo anno di cui si dispongono dati, ovvero il 2013, il minor quantitativo di rifiuti inviati in discarica spetta a Carlsberg Italia, a seguire troviamo Peroni s.p.a e Heineken Italia.
Quest’ultima, a livello globale ê risultata essere la best performer dal punto di vista dell’effetto considerato; bisogna comunque ricordare che i valori 2013 per l’azienda olandese rappresentano degli obiettivi e non dati effettivi, e che essendo la produzione di rifiuti non riciclabili/recuperabili relativa al 2012 pari a 0,02 Kg/hl è probabile che in realtà si sia conseguita una performance migliore nel 2013, ben oltre i target fissati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Applicazione della metodologia Life Cycle Assessment alla produzione della birra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Semeraro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Mercati e strategie d'impresa
  Relatore: Marco Frey
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi