Skip to content

La teoria delle intelligenze multiple. Aspetti concettuali e riscontri nella pratica scolastica

L'insegnamento finalizzato alla comprensione

Sia Piaget che altri psicologi hanno ampiamente dimostrato che i bambini nei primi cinque anni di vita imparano a parlare, a raccontare storie, a disegnare, giocare e molto altro senza ricevere particolari insegnamenti, e anche se nessuno sa come si insegnano queste cose i bambini le imparano tutte.

Gardner afferma che ci ritroviamo di fronte ad un paradosso, una volta che i bambini entrano a far parte del meccanismo scolastico, luogo dove si dovrebbero trasmettere loro degli insegnamenti. È proprio in questo momento che ci si rende conto della palese esistenza di una sorta di discontinuità fra la "prima" conoscenza e quelle apprese attraverso l'istruzione formale.
Egli ritiene che ciò che ostacola il vero apprendimento nei bambini sia l'incapacità, da parte dell'istituzione scolastica, di integrare le conoscenze intuitive sviluppate dal bambino nei primi anni di vita, con quelle che acquisirà nell'arco del suo percorso formativo.

Nella sua analisi delle potenzialità della mente del bambino di cinque anni, Gardner osserva tre tipologie di soggetti:
• Il piccolo discente, ossia il bambino di tre, quattro, cinque anni che assorbe molto e fa molte costruzioni sul mondo senza ricevere insegnamenti formali;
• L'allievo della maggior parte delle scuole, che risponde a quello che la scuola gli richiede pur di riuscire a passare al livello successivo, ma che non capisce veramente;
• La persona capace, ossia in grado di usare ciò che sa in situazioni nuove.

Se la conoscenza scolastica non può essere attivata in circostanze nuove, essa resta inerte ed è essenzialmente inutile. Secondo Gardner due istituzioni che potrebbero apportare importanti modifiche all'attuale sistema scolastico americano e non solo, sono:
• l'apprendistato: questo tipo di apprendimento permetterebbe all'istituzione scolastica, di trasmettere l'abilità di insegnare in modo da favorire non solo la comprensione di base, ma anche e soprattutto le conoscenze specifiche per agire in un determinato ambito disciplinare. Così grazie ad esso è possibile, per l'autore, evitare il pericolo di una formazione vuota che produce una forma di conoscenza superficiale e astratta.

Nel caso dell'apprendistato, un giovane lavora per una persona che è un maestro nella sua disciplina o arte, e le usa quotidianamente per risolvere problemi autentici. Il maestro imposta i problemi e richiede all'apprendista prodotti adeguati al suo livello di competenza; man mano che l'apprendista diventa più competente, gli standard vengono innalzati. Il maestro non deve sottoporre i ragazzi a prove di verifica periodica perché sostanzialmente le valutazioni vengono fatte ogni giorno.

• il museo dei bambini: oggi moltissimi studenti non sono più in grado di suggerire ragioni convincenti a favore della frequenza della scuola. Ciò è dovuto da un lato, dal fatto i ragazzi vivono in un'epoca caratterizzata da un livello di eccitazione mai visto prima, che vanno dall'utilizzo dei videogiochi all'esplorazione spaziale, dal trasporto ad alta velocità ai mezzi di comunicazione diretti e immediati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La teoria delle intelligenze multiple. Aspetti concettuali e riscontri nella pratica scolastica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabiola Mazzotta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Maria Grazia Simone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

piaget
gardner
binet
progetto spectrum
key school
progetto zero
teoria delle intelligenze multiple
quoziente intellettivo
arts propel
paola nicolini tim

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi