Skip to content

Convenience Retailing: prodotti e servizi time saving per una società in accelerazione

Convenience Orientation

Per comprendere più a fondo cosa negli ultimi decenni abbia spinto così fortemente i consumatori, soprattutto alcuni segmenti, a ricercare la dimensione convenience nell’offerta è necessario analizzare alcuni modelli teorici proposti dalla letteratura, elaborati nel tentativo di scovare appunto i motivi di tale interesse.
Il primo di tali modelli è stato elaborato da Becker (1965) e si tratta dell’Household production approach, secondo il quale ogni famiglia genera un certo output, tra cui i pasti per i componenti della famiglia stessa, attraverso una funzione di produzione nella quale i principali fattori sono i prodotti e i servizi acquistati, il capitale e il tempo; al crescere del reddito della famiglia e/o delle ore lavorative di uno o più componenti, crescerebbe l’interesse per un’offerta caratterizzata da un maggiore livello di convenience. Quest’approccio spiegherebbe quindi la crescente diffusione di questi prodotti/servizi sulla base della maggiore disponibilità economica e della minore quantità di tempo disponibile per le famiglie causata, ad esempio, dall’aumento del numero di donne che intraprendono una carriera lavorativa, fatto che incide da una parte sul minor tempo libero a disposizione per preparare i pasti e d’altra parte aumenta la disponibilità economica della famiglia; tuttavia, non è in grado di spiegare la ragione per cui famiglie caratterizzate da condizioni economiche e vincoli di tempo simili mostrano atteggiamenti diversi nei confronti di alcuni tipi di offerta come ad esempio i convenience foods. Un ulteriore approccio di analisi è rappresentato dal Convenience orientation approach (Chandel, 2001) per il quale il crescente interesse verso i prodotti e i servizi convenience dipenderebbe dalle attitudini individuali, per cui ciascun individuo sarebbe caratterizzato da una determinata convenience orientation, ossia da un certo atteggiamento nei confronti della possibilità di risparmiare tempo ed energie durante il processo di consumo, sia per quanto riguarda lo shopping sia in riferimento all’acquisto di prodotti convenience, atteggiamento che può presentarsi più o meno positivo. Come vedremo anche in seguito, tale atteggiamento ha effetti sul comportamento, traducendosi, ad esempio, nella maggior predisposizione ad acquistare piatti pronti o a consumare fuori di casa, anche a dispetto di un maggior dispendio economico. Secondo questo approccio la convenience orientation è l’elemento di mediazione tra le caratteristiche demografiche individuate nell’Household production approach e l’assunzione di comportamenti convenience oriented. Il reddito familiare sembra avere grande importanza nel determinare la propensione all’acquisto di prodotti e servizi convenience. Altri fattori in esame riguardano la partecipazione della donna nel mondo del lavoro e la dimensione della famiglia, con i single che sarebbero titolari una convenience orientation maggiore (Candel, 2001). Il numero di ore lavorate dalle donne dovrebbe avere un effetto sulla convenience orientation e sui comportamenti a causa della pressione temporale che crea nella famiglia. In realtà, si è appurato come a fare la differenza sia la percezione riguardo alla pressione del tempo ad essere una determinante importante, piuttosto che il numero di ore effettive lavorate (Darian e Cohen, 1995).
Scholderert e Grunert (2005), effettuando un analisi su due campioni di consumatori in due diverse nazioni europee, propongono in seguito un modello che tenta di sintetizzare i due approcci sopracitati, partendo dall’assunzione che l’influenza dei vincoli posti dalle risorse familiari sull’effettivo orientamento del consumatore verso la dimensione convenience sia doppiamente mediata: in primo luogo dalla percezione che gli individui hanno riguardo i vincoli stessi, in secondo luogo dall’orientamento rispetto all’attributo convenience. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Convenience Retailing: prodotti e servizi time saving per una società in accelerazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Forni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Mariagrazia Cardinali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
trade marketing
retail
parma
retailing
strategie commerciali
in-store marketing
shopper
convenience
distrubuzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi