Skip to content

Flessibilità delle risorse umane: forme, strumenti e implicazioni per i soggetti lavoratori

La flessibilità per il lavoratore

È opinione diffusa che la flessibilità del lavoro favorisca l'ingresso nel mercato del lavoro dei giovani e sia in grado di favorire l'occupazione e di conseguenza combattere la disoccupazione.
La flessibilità offre ai lavoratori maggiori opportunità di fare ingresso in un'impresa e di conseguenza sul mercato del lavoro anche se per un periodo limitato. Da qui parte l'idea che il lavoratore inizi il suo apprendimento professionale e le sue competenze aumenteranno. Ciò condurrà il lavoratore inevitabilmente a trovare un nuovo impiego al termine del precedente. Secondo molte analisi, tanto più elevata è la flessibilità tanto più è agevole diminuire i tassi di disoccupazione, senza innescare effetti economici indesiderati. Purtroppo questa relazione positiva tra flessibilità ed occupazione resta perlopiù teorica in quanto numerose ricerche empiriche, tra cui quelle condotte dall'Ocse e dall'Istat, hanno dimostrato che la flessibilità non accresce i tassi di occupazione e talvolta contribuisce ad aumentare la disoccupazione.

Il lavoratore, attraverso la flessibilità può ottenere delle opportunità; una delle più importanti è quella che consente di trovare il lavoro che meglio si adatta alle propria personalità e alle proprie caratteristiche. In particolare ha la possibilità di cambiare mansioni (sia all'interno della stessa azienda, che all'esterno) fino a giungere alla mansione preferita o comunque quella che ci si avvicina di più. Questo comporta una maggiore soddisfazione personale che ha come conseguenza immediata effetti positivi sia per se stesso (gratificazione e appagamento personale) che per l'impresa presso cui opera con migliori perfomance e maggiore produttività.

Dei vantaggi per il lavoratore si ottengono anche mediante la flessibilità temporale; questa permette di gestire al meglio l'orario di lavoro secondo le proprie esigenze personali e il vantaggio diviene ancora più forte se il lavoratore ha piena autonomia nella gestione dell'orario di lavoro.
La flessibilità permette anche il perseguimento delle pari opportunità e eguaglianza di genere nell'ambiente lavorativo; è noto che grazie a strumenti flessibili come ad esempio il part-time è stato possibile per molte donne entrare nel mercato del lavoro.

La flessibilità non offre solo vantaggi per il lavoratore ma anche lati negativi soprattutto perché la flessibilità spesso sfocia in precarietà. Ciò comporta per l'individuo l'impossibilità, per la maggior parte di lavori, di accumulare una significativa esperienza professionale permettendo solo raramente la possibilità di fare una carriera: il lavoratore è costretto, nella maggior parte dei casi ad occupare ruoli sempre diversi per periodi brevi e di conseguenza non riesce ad acquisire conoscenze approfondite, piuttosto raggiunge dei livelli appena sufficienti di formazione per ogni mansione che va a ricoprire senza raggiungere mai un discreto grado di specializzazione per nessuna di esse.

Una ulteriore conseguenza negativa è l'impossibilità parziale o totale di effettuare dei progetti in ambiti professionali e personali: la flessibilità comporta nel lavoratore una forte incertezza sul futuro su tanti fronti quali la stabilità di un impiego lavorativo, la sicurezza di un salario/stipendio. È inevitabile, quindi, che le persone evitino di fare progetti i quali richiedono certezza su alcuni elementi.
La flessibilità comporta anche la destrutturazione, e spesso l'eliminazione di aspetti relazionali del lavoro che invece sono alla base dell'identità e integrazione sociale della persona (Gallino, 2008).

Tutte queste conseguenze negative possono sfociare nello stress: flessibilità non significa, solo, che una persona cambia tanti lavori intervallati da periodi di disoccupazione. Cambiare continuamente lavoro vuol dire anche cambiare luoghi e nuclei sociali di riferimento, abituarsi a contesti nuovi, variare di continuo le aspettative sul proprio futuro. L'intermittenza e la brevità della missione, l'incertezza sulla prosecuzione del rapporto di lavoro, l'irregolarità dal lato economico, l'impossibilità di pianificare la propria vita a lungo termine sono fonte continua di preoccupazioni. Queste condizioni generano insicurezza psicologica e stress eccessivo tanto da causare malessere (Lombardo, 2011).

Come già affermato nel paragrafo precedente, la flessibilità conduce il lavoratore a non legarsi all'impresa; l'assenza della sensazione di attaccamento e di fedeltà all'azienda oltre che delle conseguenze negative per l'impresa stessa provoca problemi anche al lavoratore il quale si trova a passare buona parte del suo tempo in un ambiente considerato quasi del tutto estraneo con conseguenze negative dal lato psicologico.

Infine, c'è il problema mobilità, dei lavoratori all'interno del mercato del lavoro. Una mobilità territoriale dei lavoratori, infatti, può determinare elevata disoccupazione anche in presenza di una domanda che, complessivamente, consentirebbe maggiore occupazione. In questa situazione si viene a creare un eccesso di domanda in alcune aree, dove esisterebbero posti disponibili , accanto a un eccesso d'offerta di lavoro (disoccupazione) in altre aree. Queste discrasie sono causate dall'impossibilità, o dalla difficoltà, per i lavoratori disoccupati di trasferirsi nelle aree dove troverebbero un impiego; ciò è dovuto principalmente a i costi di trasferimento, talvolta molto elevati di fronte a una retribuzione che in particolare all'inizio del rapporto lavorativo non si presenta molto alta. Oltre ai costi ciò che incide sono anche fattori socioculturali: in alcuni paesi (tra cui l'Italia) c'è una base culturale che vede come massima e unica aspirazione di un individuo il lavoro a tempo indeterminato nell'area di provenienza senza dover far ricorso a spostamenti e trasferimenti sia da un'area geografica ad un'altra sia da un'impresa ad un'altra.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Flessibilità delle risorse umane: forme, strumenti e implicazioni per i soggetti lavoratori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Melissa Bianchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione e Legislazione Aziendale
  Relatore: Marina  Gigliotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi