Skip to content

Le politiche regionali per il sostegno al settore turistico

Influssi sulla collettività

Si è parlato dell'opportunità di collaborazione fra i vari settori industriali con il fine dello sviluppo di un'intera area.
Tutto questo deve però provocare ottimizzazione anche per chi di turismo non si occupa, ma vuole cogliere le opportunità di sviluppo arrecate da questo settore.
Cioè è il semplice cittadino che deve vedere migliorate le proprie condizioni di vita e anche quelle occupazionali.
Pertanto vanno osservati i riflessi sul semplice turista, che vedrebbe migliorato il proprio "modus" di viaggiare (comodità, sicurezza etc.), sull'intero territorio (miglioramento rete infrastrutturale e dei trasporti) e su chiunque possa rendersi conto che la vita di ogni giorno va cambiando (in meglio).
Vediamo che cosa il POR prevede analizzando le misure riguardanti l'allargamento dell'offerta turistica.
Fra i servizi la suddivisione, in linea di massima è la seguente:


schema 2 Ripartizione percentuale fra le azioni finanziate:

SERVIZI
a) Promozione all'estero.................................................................... 32%
b) Promozione in Italia...................................................................... 28%
c) Pubblicità in Italia e all'estero........................................................ 8%
d) Materiale promo- pubblicitario informativo..................................... 8%
e) Ospitalità, educational tour............................................................ 8%
f) Promozione locale.......................................................................... 5%


Per le azioni a) e b) è interessante notare come, da esplicito richiamo della legge, si privilegeranno quelle rivolte alle zone del centro nord in quanto bacino di riferimento preferenziale per l'incremento dell'utenza e l'allungamento della stagione turistica.
Tutti i buoni propositi per il Sud dove vanno a finire?
Analizzando gli altri punti, si nota che si tratta di analisi e ricerche di mercato turistico nazionali e internazionali che hanno come fine progetti in grado di fornire ed utilizzare nuove strategie finalizzate alla conoscenza di nuove potenzialità turistiche nel territorio pugliese.
Viene infatti valorizzata la campagna pubblicitaria per la valorizzazione del patrimonio artistico, storico, archeologico, paesaggistico pugliese; i riflessi per tutto il substrato della regione sono evidenti infatti i settori interessati offrono sviluppo anche in termini occupazionali e di sviluppo industriale.
Il fine complessivo è il favorire la crescita di nuove realtà produttive locali valorizzando in modo innovativo i prodotti turistici regionali e recuperando identità e culture locali.
Gli ultimi punti appaiono alquanto interessanti, ma l'impegno finanziario in essi è molto ridotto rispetto a quello dei primi due.
Sarebbe più opportuno accompagnare a un'inversione di rotta progettuale anche una economico- finanziaria.
Negli ultimi anni si sta tentando di valorizzare l'imprenditorialità giovanile.
La legge 236/93 prevede aiuti per lo sviluppo di beni culturali e servizi al turismo, puntando soprattutto a una riqualificazione del Mezzogiorno.
È prevista la presentazione di progetti da parte di società (il che può anche essere un limite) che non ammontino a più di un miliardo di lire finalizzati al cosiddetto "turismo leggero".
Visti alcuni problemi che la legge propone, il giovane imprenditore può ricorrere ad altre forme legislative come la 448/'98 che non prevede molti passaggi della 236, abrogando ad esempio la presentazione di un progetto.
Comunque rimangono in piedi anche il prestito d'onore, gli aiuti per le microimprese e il franchising. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le politiche regionali per il sostegno al settore turistico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Grimaldi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in SOCIOLOGIA DEL TURISMO, SPORT E TEMPO LIBERO
Anno: 2001
Docente/Relatore: Donato Rinaldi
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regione
turismo
puglia
la legge n.142 dell’8/06/1990
politiche regionali sul turismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi