Skip to content

AFFRONTARE IL GLOBALE CON STRUMENTI LOCALI: quattro casi di cooperazione decentrata in Italia

Roma: capitale d'Italia e della cooperazione?

Il caso di Roma può definirsi notevolmente particolare sia per alcune sue caratteristiche strutturali che la contraddistinguono e la rendono realtà unica ed atipica in tutto il nostro Paese, sia per quelle logistiche e organizzative che connotano il Comune, in quanto entità amministrativa.
Per poter inquadrare in modo adeguato le politiche di cooperazione internazionale e di solidarietà poste in essere dall'Amministrazione Comunale romana e l'organizzazione e il funzionamento del settore che si occupa dell'esecuzione delle stesse, appare quindi necessario fornire preliminarmente un quadro generale che descriva la città nelle sue principali caratteristiche strutturali e nei problemi con cui quotidianamente i cittadini romani devono confrontarsi.
A livello più generale la sua unicità è data soprattutto dall'essere Capitale d'Italia con la sua conseguente importanza strategica a livello politico e la notevole visibilità internazionale che tutto questo comporta.
Il territorio vastissimo, quasi quanto l'intera provincia di Milano, che l'Amministrazione si trova a governare, è abitato da quasi tre milioni di residenti, il che lo rende il Comune più popoloso d'Italia, dei quali più dell'8% di cittadinanza straniera. Si suppone però che il numero degli abitanti cresca notevolmente se nel conteggio vengono calcolati anche lavoratori pendolari, gli studenti fuori sede e gli immigrati in posizione irregolare.
La città è suddivisa amministrativamente in ben 19 Municipi, le ex circoscrizioni, il cui numero di abitanti è paragonabile a città di medie dimensioni.
Oltre questo Roma è anche il centro politico più importante del nostro Paese in cui hanno la sede principale la quasi totalità delle istituzioni politiche più importanti, quali il Governo, il Parlamento e tutti i Ministeri, di quelle finanziarie, come la Banca d'Italia e la Zecca di Stato, e degli Organi di rilievo istituzionale, quali ad esempio il Consiglio di Stato, la Corte dei Conti e il CSM. Tutto ciò che di più importante da un punto di vista burocratico, politico ed economico regola e governa il nostro Paese ha quindi sede nella Capitale. Questo fa sì che da un punto di visto economico il mercato del lavoro del territorio abbia poggiato per decenni oltre che sull'edilizia, settore tradizionalmente molto forte a Roma, soprattutto sull'Amministrazione pubblica e sugli Enti parastatali. A sostenere poi l'economia cittadina non si può non ricordare quale voce fondamentale del bilancio capitolino quella legata al turismo che, grazie alla ricchezza dell'offerta storicomonumentale presente, rappresenta una delle più importanti fonti di entrata per la città. La città inoltre è anche un importante centro di istruzione superiore, ci sono infatti ben tre università pubbliche che accanto alle molteplici private ne fanno un polo di attrazione per gli studenti di tutte le regioni d'Italia e per molti stranieri. A questo bisogna aggiungere una ricca offerta di biblioteche e di eventi culturali destinati al pubblico romano e non solo. Roma vede poi nel suo territorio una presenza massiccia di associazioni e organizzazioni di vario tipo e natura, da quelle di categoria a quelle sindacali, da quelle culturali a quelle di stranieri, da quelle politiche a quelle con scopi umanitari e senza scopo di lucro. In riferimento soprattutto a quest'ultime è necessario però sottolineare come ciò che apparentemente possa sembrare un'importante risorsa in realtà, anche nelle parole degli intervistati, si riveli un arma a doppio taglio soprattutto a livello organizzativo e gestionale nel momento in cui si vogliano coinvolgere in attività o fornire loro un coordinamento.
Per quanto riguarda la struttura amministrativa anche in questo caso ci si trova di fronte a una situazione non ordinaria, almeno relativamente alla gran parte degli Enti Locali italiani. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

AFFRONTARE IL GLOBALE CON STRUMENTI LOCALI: quattro casi di cooperazione decentrata in Italia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stella Di Modugno
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Giulio Moini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi