Skip to content

La lapidazione negli stati islamici, tra Corano e costituzioni moderne.

La lapidazione con gli occhi dell’islam

Fino ad ora abbiamo trattato la lapidazione soltanto dal punto di vista “Occidentale”, come una pena barbara e inumana, come una violazione palese di tutti i più elementari diritti umani, come una pratica superata e antica, come una piaga del mondo musulmano che vada debellata al più presto. Ma cosa ne pensano gli islamici? Che cos’è per loro la lapidazione, una semplice punizione oppure un precetto irrinunciabile al quale non c’è alternativa?
Non è semplice capire e scoprire che cosa pensano i musulmani di un argomento tanto delicato, soprattutto non è semplice entrare nell’ottica di una religione tanto distante dalla nostra cultura laica, che tende sempre più a slegarsi dalla religione e dalla religiosità. Tuttavia si è riusciti a comprendere molto sulla lapidazione agli occhi dei musulmani chiedendo direttamente a loro, e non c’è modo migliore di farlo se non quello di registrarsi ad un forum su internet (http://islam.forumup.it) e domandare informazioni, che non sono tardate ad arrivare.

È così che ci accorgiamo che la visione dei fatti, dei concetti e delle regole si capovolge completamente, in un’ottica del tutto differente da quella che abbiamo fatto nostra fino ad ora, ed è davvero interessante cercare di comprendere un punto di vista che ci può sembrare inconciliabile con il nostro, e che probabilmente lo rimarrà in gran parte, ma che mostra una razionalità maggiore rispetto a quanto si usi credere.
In questa seconda sezione, quindi, si dimostrerà che per un musulmano il diritto alla lapidazione (Rajm) esiste eccome e che è presente a pieno titolo nella legge e nella tradizione islamica. La grande fede che i musulmani dimostrano di avere versi tutti i precetti e le norme dettate da Allah a Muhammad e agli uomini in generale proviene dalla ferma convinzione che soltanto adempiendo ad ogni singolo dovere e tenendo bene a mente le corrette azioni da compiere si possa guadagnare, al momento della morte, un posto in Paradiso (Jannah): garantirsi le giuste convinzioni è quasi più importante che astenersi dal commettere alcuni dei peccati ritenuti “minori”. Chiunque metta in dubbio o addirittura neghi un provvedimento che è parte inequivocabile e assoluta della legge islamica esce dall’Islam, e nell’aldilà sarà dannato e fallito.

Perciò per un musulmano non è lecito commentare una legge impostagli da Allah sulla base delle emozioni che prova in un determinato momento, e deve prestare la massima attenzione nel dispensare giudizi e nell’esprimere le proprie opinioni su questioni islamiche. Questo vale anche per la lapidazione, che molti media e politici Occidentali hanno criticato fortemente e che molti islamici hanno respinto, arrivando perfino ad affermare che Rajm non è parte del vero Islam. Non è possibile per un musulmano pensare di contestualizzare il proprio Libro Sacro o gli hadit, non c’è possibilità di rivedere e di adattare la rivelazione di Allah al presente, perché Allah aveva già previsto ciò che sarebbe successo nel futuro al momento di dettare i Suoi precetti a Muhammad. Inoltre nessun uomo vivente potrà mai avere l’autorità necessaria per cambiare anche una sola parola di qualsiasi delle regole coraniche già esistenti, ma per fare ciò sarebbe necessaria una nuova rivelazione e un nuovo Profeta, condizione altamente improbabile dal momento che Muhammad è stato il Sommo Profeta, l’ultimo al quale il Creatore ha rivelato tutte le verità necessarie affinché gli esseri umani possano vivere rettamente.
Quello che si tenterà di fare, quindi, in questa seconda tranche del lavoro sarà approfondire le fonti del diritto islamico dalle quali trae origine la pena della lapidazione, studiare come, dal punto di vista musulmano, si risponde alle critiche e alle obiezioni dell’Occidente e infine capire perché per un islamico la pena a morte tramite lapidazione possa considerarsi giustificabile e giustificata, in sostanza una pena equa e giusta.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La lapidazione negli stati islamici, tra Corano e costituzioni moderne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marina Ferretti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Lyda Favali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

islam
sharia
lapidazione
corano
hadit
sakineh
legge coranica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi