Skip to content

I social network tra pericoli e potenzialità. Il fenomeno Facebook.

Luhmann e l’atto comunicativo

Luhmann rielabora la teoria sistemica Parsonsiana dell’azione come elemento principale del sistema sociale. Dal punto di vista dei sistemi autoreferenziali, il sistema sociale viene inquadrato in un’ottica in cui non è più l’azione a rappresentare l’attività minimale, e neppure l’individuo entra a far parte del sistema attraverso l’azione compiuta, l’aspetto di fondamentale importanza è invece la comunicazione.

Luhmann parte dalla premessa che gli elementi primari ed unici di un qualsiasi sistema sociale non siano gli agenti principali, ovvero gli uomini, ma gli effetti della comunicazione, ovvero comunicazioni che producono altra comunicazione.

Senza comunicazione non esiste nessuna forma di sistema sociale, anzi la chiusura operativa del sistema sociale è operata proprio sul concetto di comunicazione. Tutto ciò che c’è nel sistema sociale è solo ed esclusivamente comunicazione. Un sistema sociale (sistema chiuso) è in grado di costituirsi, ricostituirsi, ma soprattutto di autogestirsi (autoreferenzialità e autopoiesi).

Proprio l’autoreferenzialità è uno dei temi cardine del pensiero di Luhmann, che egli stesso definisce in questo modo:

«Un sistema può essere definito come autoreferenziale se costituisce in proprio, quali unità funzionali, gli elementi di cui è composto, e se attiva in tutte le relazioni fra questi elementi un rinvio a tale autocostituzione, che viene quindi in questo modo continuamente riprodotta. In questo senso, i sistemi autoreferenziali operano necessariamente a contatto con se stessi e non conoscono alcuna altra forma di contatto con l’ambiente che non sia questo autocontatto»

Quanto detto è possibile solo mediante una perenne comunicazione. Luhmann precisa che l’uomo non può essere considerato un sistema chiuso, perché in realtà rappresenta un altro tipo di sistema più complesso: il sistema psicologico (coscienza), che a differenza del primo è in grado di pensare. I sistemi sociali invece non pensano, ma agiscono, sotto forma di interazione, organizzazione e società.
Con il termine autoreferimento, Luhmann rompe con la teoria parsonsiana. Come visto in precedenza, Parsons ritiene che i sistemi sociali abbiano nel concetto dell’azione la loro componente fondamentale, e che le persone, tramite le loro azioni trovino il loro posto all’interno del sistema. Luhmann è d’accordo sul ruolo marginale dell’individuo, però inserisce l’azione (il concetto base di Parsons) nell’ottica dei sistemi autoreferenziali. L’azione è quindi vista come un intreccio di relazioni, e in conclusione, come pura comunicazione.
Comunicazione quindi come la chiave di volta del sistema sociale, «comunicare significa affrontare una selezione, e dunque una semplificazione, finalizzata alla riduzione della complessità del sistema. Questo poiché non tutto può essere collegato».
Dalle teorie che sono state affrontate, estrapoliamo una concezione del sistema sociale, intesa come un “tutto”, dove le varie sezioni sono legate da rapporti, e la cui struttura è determinata da tutto l’insieme delle relazioni tra le sezioni stesse. Secondo Parsons le componenti minime sono le azioni, che determinano la partecipazione dei soggetti e vanno a individuare ruoli e status. Luhmann invece cita i sistemi autoreferenziali (trovando nella relazione la componente principale), inseriti in un determinato ambiente e affiancati da altrettanti sistemi sociali.

Donati dà questa definizione di sistema:

«[…] un complesso di posizioni e ruoli occupati e/o svolti da attori i quali interagiscono mediante comportamenti, azioni, attività di natura specifica (economica, politica, educativa, religiosa, ecc.) nel quadro di norme regolative e di altri tipi di vincoli che limitano la varietà degli atti consentiti a ciascun soggetto nei confronti degli altri»

Una simile definizione è però riduttiva se vogliamo parlare di rete, che non può essere vista come un sinonimo di sistema. Secondo il sociologo italiano, gli elementi finora citati in materia di sistemi sociali sono tutti compresi all’interno del campo semantico della rete. Tutti quegli elementi come l’azione, l’interazione, le posizioni, i ruoli e le relazioni, possono essere inglobate ad espresse attraverso il modello della rete. Nel caso della rete infatti non si hanno più insiemi definiti che contengono ruoli, posizioni e interazioni, si accetta la possibilità di un reticolo in continua trasformazione, per nulla stabile e aperto.
Se Luhmann individuava ai confini dei sistemi delle barriere che fungevano da separatori nei confronti dell’ambiente esterno, nelle reti questi limiti non esistono più, e da qui si evince che è il sistema ad essere incluso nella rete, e non viceversa.

In questa visione, che considera i sistemi come elementi inseriti nelle reti, anche l’individuo viene riconsiderato. Esso acquisisce importanza sia in quanto costruzione sociale che occupa determinati ruoli e status, sia come soggetto in se e per se, espressione di una propria e profonda autonomia. Si ha quindi la considerazione della rete partendo proprio dal singolo individuo, per poi passare allo studio delle relazioni che appartengono al soggetto e in cui il soggetto si trova coinvolto. Le relazioni che vanno a comporre le reti si manifestano nella società da un lato sotto forma di strutture e istituzioni, individuate tramite una prospettiva sistemica, dall’altro attraverso rapporti di tipo informale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I social network tra pericoli e potenzialità. Il fenomeno Facebook.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Raffaele Malacasa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Pontificia Università Salesiana
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Francesco Pira
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi