Skip to content

Click democracy: democrazia digitale e partecipazione politica

e-campaing

Secondo Bentivegna in “Campagne elettorali in rete” il primo uso di internet in Italia come strumento di competizione politica è avvenuto nel 1996. Bentivegna individua tre fasi che si susseguono fino al 2006 nella scoperta di questo strumento.

1. La prima fase consiste nel periodo 1996-2000: l’uso di Internet è ancora molto sperimentale. Vedono la luce i primi siti di partiti, aperti giusto poco tempo prima del voto. Nel nostro paese c’è ancora una forte ingenuità verso le possibilità delle nuove tecnologie.

2. La seconda fase si apre nel 2001 e prosegue fino al 2004 .Viene definita da Bentivegna: “ Trials and Errors”. L’uso del nuovo mezzo diventa più sofisticato, ma è ancora troppo in ritardo rispetto ad altri paesi del mondo, dove l’e-campaing è già una realtà.

3. La terza fase viene definita da Bentivegna come quella ancora in svolgimento. In realtà il testo “Campagne elettorali in rete” risale al 2006, e, rispetto a quella data, sono intervenuti numerosi cambiamenti, anche nella politica italiana. L’uso di Internet è ormai un dato acquisito, tutti i candidati politici e i partiti dispongono di un sito web.

4. Personalmente, ritengo che ci sia una quarta fase, quella che comprende l’arco temporale dal 2006 al 2014. Internet, ormai, è parte del nostro vivere quotidiano e ci circonda costantemente con contenuti informativi. Ogni candidato non ha solo il proprio sito, ma è presente in molti social network e blog. I rappresentanti della nostra scena politica comunicano, annunciano, rispondono, polemizzano in tempi brevissimi a volte in 140 caratteri.

Bisogna, però, tenere presente l’obiettivo essenziale di ogni campagna elettorale: evitare manifestazioni di dissenso e critica che potrebbero risultare dannosi per il partito o il candidato. Ciò è reso molto più difficile con i social media perché le espressioni debbono risultare chiare e brevissime, al fine di catturare l’attenzione e non sempre i candidati riescono in questo intento. Molti partiti, infatti, hanno riscontrato parecchie difficoltà a far acquisire nuove modalità comunicative ai propri esponenti. Le principali difficoltà di uso, secondo Bentivegna, sono imputabili a:

- Persistenza di un’organizzazione verticistica e centralizzata;
- prevalenza dell’interesse personale rispetto al collettivo;
- derubicazione di internet a strumento di comunicazione organizzativa interna

Nel 2006 molti sono stati i nuovi blog, introdotti al fine di e-campaing, ma nessuno di questi è stato in grado di modificare o incidere, significativamente, sullo svolgimento della campagna elettorale e, di conseguenza, sui risultati elettorali, fatta eccezione per il blog “Beppegrillo.it”, che invece ha di molto modificato l’andamento delle elezioni. La forte crescita di siti riconducibili a partiti si lega al sistema elettorale di tipo proporzionale.

Un elemento da evidenziare è che molti piccoli nuovi partiti e movimenti, precedentemente di scarsa visibilità e seguito, sono riusciti, con un abile uso di Internet, a modificare il loro ruolo e il loro peso rappresentativo, per esempio, gli indignados, il popolo viola e il Movimento 5 Stelle. Altre associazioni e formazioni, invece, causa un errato impiego delle nuove tecnologie, hanno perso consensi e seguiti. Internet presuppone, quindi, una piena padronanza da chi lo utilizza, diversamente può ritorcersi contro e compromettere seriamente il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Click democracy: democrazia digitale e partecipazione politica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Santinelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia e teoria dei processi comunicativi
  Relatore: Michela Nacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blog
partecipazione politica
stefano rodotà
tecnologia e politica
democrazia digitale
click democracy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi