Skip to content

Sogni di una notte di mezza estate: an experiment with surtitles

History of surtitles

The idea of translating an audiovisual performance through written text is rather old. The first experiments were made with silent films. The so called “intertitles” or “title cards”, were portions of film, containing only text, that appeared between scenes (rather than on scenes, as happens with modern subtitles) (Díaz Cintas 2007: 26).
Mostly, they were printed with white characters on a black background, (ibid.) at times with decorative frames. Intertitles died soon with the arrival of sound films; a set of different translating devices was then invented, before reaching the actual twofold system, dubbing vs. subtitling. Intertitles are now part of the past, together with silent films.
It took time, however, for these means of audiovisual translation to approach the rather conservative world of opera.
The issue of language has always been strong in opera. Since it was born in seventeenth-century Tuscany, its original language was Italian (Desblache 2013: 12), and often theatre companies, travelled across Europe, spreading the operas in their native language, performing in front of foreign audiences. This did not end in the seventeenth century however.

Referring to Faust, and the high society of the 1870s in New York, Edith Wharton could still write in 1920 that "an unalterable and unquestioned law of the musical world required that the German text of French operas sung by Swedish artists should be translated into Italian for the clearer understanding of English-speaking audiences” (Wharton 2010: 3, in Desblache 2013: 14)

Because of travelling companies, but also because of the intrinsic difficulty of translating music, operas tended to be sung in the original language, or contain more than one language; "[i]n the past, the choice of language that a work was performed in was dependent on cultural norms". (Chalmers 2013: 50) It was therefore paramount to make this "musical Babel" somehow understandable to monolingual audiences.

The history of opera has seen many aids to understanding the texts during performance: once upon a time, listeners were able to read the words and (if in a language not their own) a parallel translation that conveyed not only the sense but also, on occasion, some of the poetry of the original as well. [...] When it was decided to dim the lights in the theatre this support solution was no longer a practical option, but for a long time the custom of reading the text and translation in real time survived in the concert hall, with the attendant risk of intrusive noise as hundreds of pages were turned simultaneously. (Ibid.)

The next solution were surtitles. They were born much later, although scholars disagree on the exact time and place of the first instance: according to Griesel, "surtitling on theatre stage exists since the 1980s and was first used in Scandinavia." (2009: 120)
However, the first application of surtitles to opera was in January 1983, in Toronto, according to Díaz Cintas and Remael (2007: 25). Jonathan Burton, has a different opinion, and claims that the first surtitled opera was performed in Beijing in 1983, "although there are reports of live surtitling (in Danish) in Copenhagen before this date" (2010: 180). Burton acknowledges that the first opera with English surtitles was that of Toronto, but claims that it happened in 1984, not 1983, as reported by Díaz Cintas.
It is not in the interest of this work to find out which was the very first instance of live surtitles. What is important, is that it happened in the early '80s, and its use expanded in the following decades.

Academic interest came much later. There is no trace of studies on audiovisual translation before the '50s; the first essay on subtitling was Le sous-titrage de films by Simon Laks, published in 1957. Interest rose mostly in the '80s, with several conferences and books. Díaz Cintas defined the 1990s as "AVT's golden age" (2009: 3). Surtitles received a little attention in some more comprehensive works, such as Ivarsson and Carroll's Subtitling (1998) since the late '90s. Only in recent years, however, extensive works on opera surtitles have been published, such as the volume Music, Text and Translation by Helen Julia Minors (2013), which dedicates one of the three section of the book to opera surtitles. Audiovisual translation is an expanding sector, and studies on surtitles will probably become more and more important in the following years.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sogni di una notte di mezza estate: an experiment with surtitles

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Gabrielli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Elena Di Giovanni
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 135

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi