Skip to content

Fragilità emotiva e disagio psicologico: confronto tra popolazione psichiatrica e soggetti sani

Emozione e schizofrenia

Le disfunzioni nell’affettività sono un aspetto critico nella Schizofrenia e spesso precedono l’esordio del disturbo stesso (Kwapil, 1998; Walker & Lewine, 1990) e sono associate con una serie di disturbi sociali e professionali (Blanchard et all., 1998, Cohen et all., 2005). In una recente meta-analisi di studi, che hanno esaminato la reattività emozionale nei pazienti schizofrenici nel corso di valutazioni di laboratorio, Cohen e Minor (2010) hanno rilevato che, anche se i pazienti schizofrenici non differivano dai soggetti di controllo nelle reazioni affettive soggettive piacevoli agli stimoli evocativi, segnalavano comunque una forte co-occorente reazione emotiva spiacevole.

Questo effetto è stato osservato in risposta ad una vasta gamma di stimoli positivi e neutri, e ciascuno degli undici studi presenti in questa meta-analisi supportano l’idea che una maggiore affettività negativa, e al contrario una riduzione dell’affettività positiva (anedonia), è il dominio principale dell’esperienza affettiva negli schizofrenici.

In un altro studio, in cui è stato utilizzato un approccio particolare per comprendere l’esperienze emotive attraverso una modalità self-report, Choen e colleghi (2009) hanno esaminato l’espressione lessicale di individui durante un esercizio narrativo in laboratorio. In particolare, i partecipanti sono stati invitati a discutere i ricordi positivi, negatici e neutrali della loro vita. Il discorso è stato trascritto e analizzato, attraverso un sistema di conteggio parole utilizzato per capire l’emozioni e tutta una serie di problematiche psicologiche, ed è stato validato come metodo per misurare l’espressione verbale delle emozioni ( Bantam & Owen, 2009; Kahn, 2007).

I pazienti affetti da schizofrenia che erano stati classificati clinicamente con presenza di anedonia, sulla base delle informazioni che erano a disposizione (self-report e cartelle cliniche), i pazienti con schizofrenia, ma senza anedonia, e i controlli sono stati confrontati sulla percentuale del totale delle parole che avevano una valenza piacevole (ad esempio amore e allegria) e spiacevole (es. uccidere e male). I pazienti che presentavano anedonia, hanno mostrato un aumento drammatico delle parole che esprimevano emozioni sgradevoli quando richiesto di parlare di ricordi piacevoli della loro vita rispetto agli altri due gruppi, ma allo stesso tempo a questa tendenza non corrispondeva una riduzione delle emozioni positive.

Da questi risultati emerge che l’anedonia riflette una povera regolazione delle emozioni negative, ma non un deficit nell’affettività positiva. Un sostegno della teoria del deficit di regolazione emotiva viene da uno studio di Trémeau e colleghi (2009), in cui vengono esaminate le valutazioni soggettive ad una varietà di stimoli positivi e negativi da parte di un campione composta da un gruppo di pazienti schizofrenici e un gruppo di soggetti sani. I soggetti affetti da schizofrenia riportavano livelli anormalmente elevati emozioni contrastanti, più emozioni negative agli stimoli positivi e più emozioni positive agli stimoli negativi, rispetto al gruppo di controllo.

Inoltre, la presenza di anedonia era significativamente associata con punteggi negativi in presenza di stimoli piacevoli. E’ degno di nota il fatto che un anormale, alta emotività negativa evocata da stimoli positivi risulta essere associata con una serie di variabili cliniche, come ad esempio una maggiore gravità della malattia globale e una compromissione generale della qualità di vita.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fragilità emotiva e disagio psicologico: confronto tra popolazione psichiatrica e soggetti sani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Bianchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Paola Gremigni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disagio psicologico
benessere psicologico
benessere psicofisico
ansia di stato
disregolazione emotiva
fragilità emotiva
labilità emotiva
regolazione emozionale
psicpatologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi