Skip to content

Turismo 3.0 - Il Turismo Collaborativo nell'era della Sharing Economy

Una rinnovata coscienza civica

Reduci dell'alienazione sociopatica da sindrome di Facebook, per i ragazzi della Generation Y è arrivata l'ora di tornare sul pianeta terra.

"Facebook ha portato tutti ad incontrarsi online e noi dovremmo prendere queste persone e portarle offline" questo è il motto di AirBnb, di cui si parlerà più avanti.

Una delle caratteristiche distintive e focali di questa nuova fase è il ritorno della figura collettiva della cittadinanza: dopo aver partecipato, condiviso, protestato sui vari social network, il cittadino esce dalla dimensione virtuale ed è pronto a sfruttare gli insegnamenti digitali applicandoli alla vita reale.
Il cittadino digitale, nativo o immigrato che sia, è ormai disilluso, non crede più che la crisi economica scomparirà grazie alla volontà risolutiva della politica e invece di attendere invano un intervento dall'alto, reagisce facendo leva sulle sue conoscenze e competenze.

Spopola la moda del "fai da te" in moltissimi settori merceologici grazie al supporto di video tutorial messi in rete da professionisti, professori o appassionati che condividono gratuitamente la loro conoscenza.
Nascono a sostegno dei più intraprendenti, nuovi modelli di accesso al credito come i prestiti fra privati (Prestiamoci di Mariano Carozzi - Ivrea) oppure nuovi modelli di business come il crowdsourcing per cui le aziende esternalizzano parte della propria attività e la affidano a dei freelance attraverso dei contests.

Si diffonde una più profonda sensibilità verso l'ambiente.
I preoccupanti dati forniti dalla FAO o dal WWF sulla scarsità delle risorse naturali rimanenti o sull'inquinamento, sono accessibili a chiunque e mettono in condizione di dover trovare metodi alternativi per continuare ad essere produttivi senza aggravare la situazione.
Tutte queste persone trovano nei servizi collaborativi convenienza, stimoli e vi riconoscono un canale attraverso cui esprimere la propria propositività e la convinzione che anche il singolo possa contribuire a cambiare un sistema obsoleto e inadeguato. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Turismo 3.0 - Il Turismo Collaborativo nell'era della Sharing Economy

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Martella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Ferdinando Dandini De Sylva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

start up
sharing economy
airbnb
turismo collaborativo
collaborative consumption
blablacar
condivisione di servizi
platform capitalism

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi