Skip to content

Il Bitcoin, la nuova moneta virtuale

Evoluzione dei bitcoin: da cyber-valuta a moneta reale

Accanto alla vita reale, dalla diffusione di Internet in poi si è progressivamente fatta strada un'esistenza parallela, che viene comunemente chiamata "virtuale".
A tal proposito, nel 2003 è nato un mondo virtuale, chiamato "Second Life", attivo ancora oggi, da un'idea della Linden Lab Inc., che permetteva l'interazione fra gli utenti rappresentati da avatar personalizzati.
Ben presto, l'aspetto prettamente ludico del sistema, per mezzo del quale i personaggi potevano socializzare, viaggiare nel tempo e nello spazio virtuale messo a disposizione dal software, si è lasciato affiancare da quello economico-commerciale, con l'introduzione dei cosiddetti "Linden Dollars", convertibili sia in Euro che in Dollari, con i quali gli utenti, chiamati "residenti" nel gergo del programma, potevano effettuare vere e proprie compravendite.
Non mancano casi di persone che si sono arricchite costruendo e vendendo beni di consumo o servizi professionali nella loro "seconda vita". La stessa valuta virtuale ha fatto registrare un aumento di valore: nel momento in cui fu coniato, erano necessari 260 Linden Dollars per fare 1 Dollaro, mentre oggi 1 Euro ne vale 320.

Dopo qualche anno di attesa, intervallo stranamente ampio per le novità informatiche, sono stati creati i Bitcoin, la nuova moneta digitale, destinata a fare concorrenza a dollari ed euro.
A ben vedere, l'intero sistema è un cantiere in costante perfezionamento, sul quale, paradossalmente, tutti coloro che possiedono le necessarie competenze tecniche possono intervenire per migliorare il progetto, che resta open source, ossia pubblico, e quindi migliorabile da chiunque.
Bitcoin, a pochi anni dalla sua creazione, potrebbe già diventare così reale da avere una carta di debito/credito prepagata internazionale. A lanciare l'iniziativa che sta facendo tremare le più grandi banche del pianeta è la startup americana BitInstant che, dalle dichiarazioni di uno dei suoi fondatori, Charlie Shrem, ha intenzione di immettere in circolazione carte di credito che utilizzano moneta virtuale.
Attraverso un QR Code sarebbe possibile effettuare transazioni, sotto i mille dollari, in mobilità con un classico lettore di codici e verrebbero accettate in tutti gli esercizi commerciali che permettono il pagamento con MasterCard, cioè quasi ovunque. Nella parte posteriore della carta, poi, sarà presente l'indirizzo Bitcoin che rappresenta l'identificativo unico attribuito ad ogni utente.
I futuri possessori di questa carta dovranno pagare una tassa dell'1% per finanziarla e 1,5 dollari per ogni commissione ai bancomat.
L'intento di portare ad una larga diffusione della moneta virtuale anche nelle transazioni "di tutti i giorni", ha spinto BitInstant a snaturare proprio l'aspetto principale di Bitcoin: l'anonimato. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Bitcoin, la nuova moneta virtuale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Simonelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Pier Giovanni Vivaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi