Skip to content

L’efficacia delle dimissioni programmate: studio retrospettivo osservazionale sul Servizio Territoriale Dimissioni Ospedaliere Programmate

Discussione

Gli obiettivi che ci siamo proposti all’inizio della nostra ricerca, ovvero di valutare se le dimissioni programmate riducono:
- Il numero dei ricoveri;
- Le giornate di degenza;
- I costi assistenziali valutati in DRGs
sono stati pienamente confermati dai risultati dello studio che affermano le nostre ipotesi.
Possiamo quindi affermare che la continuità assistenziale infermieristica (in merito ai ricoveri per BPCO, Scompenso Cardiaco e Ictus Cerebrale) riduce notevolmente i ricoveri ospedalieri. I dati dicono che diminuiscono del:
- 60% i ricoveri;
- 66,1% le giornate di degenza;
- 57,8% i costi ospedalieri (valutati in DRGs).
Per quanto riguarda il numero dei ricoveri abbiamo visto:
- che più della metà del campione (68,6%) ha avuto una riduzione dei ricoveri un anno dopo la presa in carico rispetto all’anno precedente;
- che meno di un quarto del campione (23,3%) ha avuto lo stesso numero di ricoveri nei due periodi presi in considerazione;
- che solo una minima parte del campione (8%) ha avuto un numero maggiore di ricoveri nell’anno successivo alla presa in carico.
Tutto questo dimostra che la continuità assistenziale è fattore protettivo per la persona, riduce significativamente i ricoveri e le giornate di degenza, con tutti i benefici che questo può portare, come sappiamo dalla letteratura la ospedalizzazione comporta molteplici rischi, soprattutto nel paziente anziano, fra i più importanti ricordiamo il delirium, i danni iatrogeni farmacologici, la sindrome da immobilità, le infezioni e l’incontinenza che inevitabilmente portano a una durata maggiore di degenza o ad un eventuale nuovo ricovero portando la persona ad esporsi nuovamente a quei fattori di rischio entrando così in un circolo senza fine. E’ anche per questo motivo che dobbiamo riuscire a ridurre i ricoveri “evitabili”. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’efficacia delle dimissioni programmate: studio retrospettivo osservazionale sul Servizio Territoriale Dimissioni Ospedaliere Programmate

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Amoriello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Marina Romano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

continuità assistenziale
dimissioni programmate
proattività
re-ricoveri
ricoveri evitabili
sanità d'iniziativa
servizio territoriale
infermiere domiciliare
stdop

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi