Skip to content

Il ruolo dei grandi eventi nella valorizzazione dell'offerta locale

L’evoluzione del sistema di valutazione dell’evento

Inizialmente, l’oggetto di valutazione era focalizzato principalmente sull’impatto economico; l’aspetto relativo all’impatto turistico è stato analizzato in seguito, quando le istituzioni locali, hanno iniziato a chiedersi quale fosse l’impatto del turismo sull’economia e quanto fosse o meno opportuno investire risorse in questo ambito.

Dalle ricerche effettuate si evidenzia che le ricadute economiche dell’evento risultano essere quelle di maggior interesse per gli organizzatori degli eventi ed i parametri economici, infatti, risultano essere più utili per dimostrare il successo dell’evento, soprattutto nei confronti degli stakeholders che devono finanziare l’evento stesso.

Al contrario, è stato rilevato che le misurazioni economiche non sono sufficienti a valutare in modo esauriente i costi e i benefici conseguenti all’organizzazione di un evento. Se si andasse ad analizzare soltanto i benefici della spesa diretta dei turisti, si avrebbe un quadro incompleto nell’ambito del processo di misurazione.
Si è avuto con gli anni un ampliamento dell’indagine, anche se con una differenzazione dettata dal contenuto dell’evento. Per gli eventi sportivi, il focus prevalente è stato quello economico, mentre negli eventi culturali, l’attenzione si è spostata sull’impatto sociale, vale a dire i cambiamenti che si generano sulla qualità della vita dei residenti nella regione ospitante l’evento. Infatti molti studi hanno dimostrato che gli eventi possono provocare un impatto sociale, sia a livello di rafforzamento dei legami e sia sul livello di soddisfazione, rispetto alle aspettative, sugli organi locali.

L’impatto socioculturale risulta più difficile da valutare rispetto a quello economico in quanto ci possono essere degli effetti non positivi che potrebbero sorgere nella loro analisi. Le indagini sulla valutazione hanno posto l’attenzione anche sull’impatto per i partecipanti, sotto diversi punti di vista: nella prospettiva delle emozioni, dell’interazione sociale, della stimolazione dei sensi e della mente e dello stimolo al consumo. In seguito, gli studi sull’impatto sono stati rivolti anche sugli effetti politici e ambientali dell’evento, vale a dire tutti gli effetti che l’evento può materialmente generare sull’ambiente e sul territorio ospitante.

Le amministrazioni locali, utilizzando gli eventi, possono distogliere l’attenzione dai problemi occasionali, creando distorsioni percettive. A questo si aggiungono le questioni relative agli effetti sulla gestione dei rifiuti, sul blocco del traffico, sul paesaggio, i quali possono risultare difficili da misurare e che, proprio per questo, sono spesso sottovalutate dagli organizzatori.

Nonostante queste considerazioni e questi nuovi filoni di studi, relativamente all’intensità di applicazione dei diversi approcci, ad oggi, si osserva ancora una certa tendenza a concentrarsi prevalentemente sugli studi di impatto economico. Nella seconda metà degli anni duemila, si delinea una nuova fase del ciclo evolutivo della valutazione degli eventi, dove gli studi sugli impatti non si sviluppano solo in senso verticale, nel senso di misurare nel dettaglio gli effetti economici o sociali, ma anche in senso più sistemico, ovvero si avverte la necessità di esprimere l’intero impatto di un evento.

È così che introducono il concetto di Triple Bottom Line, iniziando ad enfatizzare che tutte le parti coinvolte nella pianificazione e gestione di un evento dovrebbero impegnarsi al massimo per massimizzare i benefici e per ridurre o annullare i risvolti negativi. In realtà, la svolta si è avuta quando si è riusciti a dimostrare l’effettiva possibilità di misurare le diverse dimensioni dell’impatto, fornendo misure sia sintetiche sia aggregate.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dei grandi eventi nella valorizzazione dell'offerta locale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Lavorgna
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Economia
  Corso: Imprenditorialità ed Innovazione
  Relatore: Elisabetta Horvath
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo del territorio
america's cup
organizzazione di eventi
i grandi eventi
world urban forum
valorizzazione dell offerta locale
expo universale nello spazio
forum delle culture
marketing turistico e territoriale
grandi eventi e impatti sul territorio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi