Skip to content

Atti di autolesionismo in carcere - Indagine nella Casa Circondariale di Massa

Carcere di Massa

La Casa di Reclusione di Massa Carrara è Maschile (ha una sezione femminile circondariale distaccata a Pontremoli)

STRUTTURA
L'istituto presenta una pianta "a palo telegrafico" e le diverse aree si articolano lungo il corridoio centrale. Il primo blocco che si incontra entrando è quello degli uffici e della caserma agenti; il secondo blocco è costituito dalle sezioni A (a sinistra) e M (a destra), Continuando lungo il corridoio si incontra il braccio della sezione C (sezione giudiziaria, 38 celle), e lo spazio dove era dislocata la sezione B, oggi abbattuta. In fondo alla struttura si trova l'infermeria circondata da un'area verde, intorno alla quale si trovano i magazzini e le aree per le lavorazioni. Lungo il corridoio che porta dalle sezioni A e M alle sezioni C ed ex-B, sono disposti la biblioteca, la cappella, la cucina detenuti, e il cinema-sala polivalente. All'esterno vi è inoltre un campo di calcio recentemente sistemato e coperto da erba sintetica, aperto per i detenuti tutti i giorni dalle 14 alle 15. L'Istituto dispone di grandi capannoni che ospitano i laboratori di tessitoria, sartoria, falegnameria e officina meccanica. Tutte le lavorazioni sono attive, e si produce essenzialmente per ordinazioni interne all'Amministrazione Penitenziaria. Due laboratori, quello di fabbri e quello di falegnameria, sono gestiti da terzi attraverso appalti (Legge Smuraglia). Nel corso degli ultimi anni, nei laboratori sono state effettuate importanti ristrutturazioni per la messa a norma.

STAFF
Nella struttura sono operanti 138 agenti, con turnazione su quattro quadranti.
Vi sono inoltre 1 direttore, 4 educatori e 8 persone fra collaboratori e contabili.

DETENUTI
Alla data della rilevazione (agosto 2013), i detenuti presenti sono 253 + 10 in semilibertà ex art. 21, e lavorano fuori dalla Casa Circondariale rientrando solo la sera. La capienza effettiva però è di 156 posti. (quindi ci troviamo di fronte a un sovraffollamento nelle celle)

CONDIZIONI MATERIALI
La sezione A è composta da 12 celle per un totale di 24 letti. La sezione M è composta da 12 celle per un totale di 24 letti. La sezione C, reparto giudiziario, è composta da 38 celle.
La verifica delle condizioni igienico-sanitarie della struttura risulta neutra a causa del suddetto sovraffollamento

SANITÀ
Nella struttura sono presenti un medico di ruolo e 8 medici di guardia per un servizio H24. Vi sono inoltre 11 medici specialistici a prestazione (secondo le necessità), e 11 infermieri a convenzione. I medici a convenzione sono i due psichiatri, ai quali è assegnato un totale di 60 ore mensili. Vi sono inoltre 4 psicologi a convenzione per un totale di 101 ore mensili.

ATTIVITÀ
Si organizzano attività sportive, quali tennis, calcio, ping-pong, palestra per attività motoria alla presenza di un istruttore volontario (ex insegnante di educazione fisica).
È stato realizzato un progetto "ludoteca" in collaborazione con il Comitato Telefono Azzurro di Massa per favorire gli incontri dei detenuti con i figli minori; c'è un corso di Yoga, dove partecipano circa 10/15 detenuti, e sta per partire il progetto di Pet Therapy, in cui hanno dato l'adesione la maggior parte dei detenuti.

ISTRUZIONE
L'attività scolastica prevede: scuole elementari e scuole medie (coordinate dal Centro Territoriale Permanente di Massa Carrara) e scuole medie superiori.
Nel corso dell'anno 2012/2013, gli studenti iscritti alle scuole elementari erano 27, che salgono a 43 alle medie e 42 alle superiori. Presso l'Istituto vi sono anche 1 studente universitario iscritti all'Università di Pisa.
Vi sono 9 insegnanti volontari (6 universitari e 3 per le medie superiori), e 13 insegnanti istituzionali.

EVENTI CRITICI
Dal 1 gennaio 2013 al 13 agosto 2013, si sono registrati 8 ferimenti, 25 scioperi della fame, 2 che hanno rifiutato il vitto o le terapie, 22 atti di autolesionismo, 2 tentativi di suicidio tramite impiccagione. Un evasione, fatta dall'ospedale di Massa di un tunisino il 26/03/2013
Il problema del sovraffollamento rende l'impatto con il carcere molto duro. La media in Italia è pari a 146 detenuti su 100 posti letto. Il problema del sovraffollamento è minore per le detenute. Non mancano le forme di protesta: lo sciopero della fame è la più diffusa, 6.628 casi nel 2011, seguono il rifiuto del vitto e delle terapie (1.179 casi) e il danneggiamento degli oggetti (529 casi). Le forme di protesta non collettive sono comunque diminuite del 16,8% rispetto al 2010, soprattutto le astensioni dalle attività lavorative e trattamentali e i danneggiamenti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Atti di autolesionismo in carcere - Indagine nella Casa Circondariale di Massa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Crapanzano
  Tipo: Tesi di Master
Master in Criminologia, Scienze Investigative e della Sicurezza
Anno: 2013
Docente/Relatore: Danila Pescina
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carcere
educatori
autolesionismo
agenti penitenziari
carcere di massa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi