Skip to content

Suonare insieme: sincronizzazione, rispecchiamento ed empatia

Musica e sentimento di unione

Tornando all'argomento principale della discussione, la musica d'insieme, sono dell'idea che ci si possa ritrovare tutto quanto detto finora.
Quando si suona insieme ad altre persone si è circondati e trascinati insieme dalla musica che si sta suonando. Le emozioni, veicolate dal brano, permeano tutto il gruppo, rendendo possibile un'esecuzione espressiva unificata e compatta.
Il fatto di condividere la stessa esperienza, con le sue connotazioni emotive ed affettive, fa sì che si crei all'interno del gruppo un sentire condiviso, in cui si soffre o si gioisce con gli altri, e un sentimento di unione, per il quale ci si sente parte di uno stesso gruppo, di una stessa esperienza e di una stessa azione, in cui ognuno coopera attivamente per raggiungere lo stesso obiettivo. Questo è dovuto in primo luogo alla musica stessa, che, come si è accennato in precedenza, ha come una delle sue principali caratteristiche il fatto di essere "dialogica", e quindi altamente coinvolgente (Barenboim, 2007). I musicisti quando suonano assieme dialogano tra loro, ora suonando come una sola voce, ora rispondendosi l'un l'altro, ora accompagnando le voci principali, ora enunciando un tema contrapposto a quello di un'altra sezione. Per fare ciò è importante ascoltarsi l'un l'altro, conoscere bene la partitura e sapersi inserire nell'insieme.
Dall'altra parte, tutto ciò è possibile dal momento in cui i musicisti sono dotati di un sistema specchio che rende possibile una rappresentazione comune dell'esperienza musicale che si sta vivendo. Il fenomeno del rispecchiamento permette di spiegare quel dialogo relazionale che si instaura all'interno del gruppo, lo scambio emotivo e motorio che rende possibile la sintonizzazione e la coordinazione oltre che il senso di coesione e affiliazione.
Si è visto nel secondo capitolo come sia necessario, ai fini di una buona sincronizzazione, che i musicisti si scambino informazioni ricorrendo alla comunicazione non verbale data dai movimenti, dalle espressioni facciali e dai gesti espressivi in generale, e che tale scambio di informazioni aumenta nei momenti cruciali del pezzo, o in quelli in cui la coordinazione è più complicata. Arrivati a questo punto si potrà facilmente comprendere come ciò sia possibile. Il musicista rispecchia nel suo sistema motorio i movimenti compiuti dai vicini, o dal direttore, simulandoli internamente e quindi comprendendone il significato e anticipandone le conseguenze. Questo meccanismo sta alla base della capacità di entrare in sincronia con l'altro.
Come si è visto in precedenza, da un lato tale abilità sembra essere innata nell'uomo, anzi questi sembra quasi essere spronato ad imitare l'altro e ad interagire in modo più o meno sincronizzato, proprio per rendere più fruttuosa l'interazione, di qualunque tipo si tratti. Ciò non toglie che per raggiungere una coordinazione di così alto livello sia necessario uno strenuo allenamento che affini tale dotazione naturale. In questo modo mano a mano i modelli di comportamento proprio e altrui si fanno più fini e più specifici, riuscendo con sempre maggior successo a decodificare il comportamento dell'altro e a rendere più comprensibile il proprio, acquistando sempre più accuratezza temporale e flessibilità.
Non ci si può arrestare però soltanto all'analisi dei movimenti, per quanto abbiano un'importanza cruciale. Per riuscire a suonare in modo così compatto e unificato, come un corpo unico, è necessaria un sintonizzazione a livello emotivo con gli altri musicisti, dovuta al fatto di sentire tutti insieme allo stesso momento ciò che fa esperire il brano musicale: solo provando su di sé e condividendo con gli altri musicisti tale coinvolgimento è possibile trasmetterlo ed emozionare anche il pubblico. La comunicazione all'interno di ensemble od orchestre è basata quindi non solo su movimenti e comunicazione sensorimotoria "fredda", ma anche sulle emozioni, condivise con gli altri musicisti, che evoca la musica che si sta suonando. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Suonare insieme: sincronizzazione, rispecchiamento ed empatia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nives Balestra
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Andrea Brugnolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi