Skip to content

IFRS 13: novità e problematiche applicative della nuova valutazione del fair value

La gerarchia del fair value

L'IFRS 13 stabilisce una gerarchia del fair value attraverso cui classifica in tre livelli le informazioni utilizzate come input per la valutazione.
Il principio specifica, prima, alcuni requisiti per le informazioni stesse.
Queste devono essere coerenti rispetto alle caratteristiche dell'elemento da valutare che gli operatori di mercato considererebbero in un'operazione a esso relativa.
Tali caratteristiche possono richiedere delle rettifiche al prezzo, quali sconti o premi; queste ultime devono essere considerate solo se riflettono caratteri dell'elemento, mentre non si devono considerare se riguardano peculiarità dell'entità nel suo complesso. Nessuna rettifica è richiesta, in ogni caso, qualora il fair value sia determinato in base al prezzo quotato in un mercato attivo.
Il principio richiede che siano utilizzate prioritariamente informazioni osservabili e rilevanti e che sia ridotto al minimo l'utilizzo di input non osservabili. Esempi di mercati con input potenzialmente osservabili sono i mercati mobiliari (per esempio la Borsa Valori di Londra), quelli a scambi diretti e assistiti (per esempio i mercati over-the-counter con prezzi pubblici), i mercati a scambi intermediati (per esempio i mercati immobiliari commerciali) e quelli a scambi diretti e autonomi. Il paragrafo B34 della Guida operativa, al quale per brevità si rimanda, fornisce le definizioni di tali mercati.
Tornando alla gerarchia, essa è un concetto non nuovo nei principi IAS\IFRS. Tuttavia, prima era contenuto in più documenti (l'IFRS 7 e lo IAS 39) non sempre congruenti tra loro e, comunque, limitatamente agli strumenti finanziari; l'IFRS 13 la estende a tutte le attività e passività ricomprese nel suo ambito di applicazione (quindi anche quelle non finanziarie).
Come evidenziano McCarroll e Khatri si tratta di una previsione che probabilmente non coglierà impreparate molte delle società operanti in ambito finanziario, mentre si tratta di una vera e propria novità per quelle che operano nei settori non finanziari.
L'obiettivo della sua adozione è di aumentare la coerenza e la comparabilità delle valutazioni, consentendo al lettore del bilancio di conoscere il livello di attendibilità dell'informazione sulla base del grado di osservabilità delle informazioni utilizzate nella stima, nonché l'incertezza che grava sulla stessa.
In quest'ottica, la priorità di utilizzo nella valutazione è data a input quali i prezzi quotati in mercati attivi per attività e passività identiche (input di livello 1, massima oggettività nella valutazione) mentre i dati non osservabili hanno la priorità minima (livello 3, massima soggettività).
Qualora la stima richieda l'utilizzo di dati appartenenti a diversi livelli della gerarchia, il dato finale risultante dalla valutazione deve essere classificato al livello in cui è classificato l'input di più basso livello utilizzato. Ciò è valido anche quando un dato si riferisce a una rettifica che è necessario eseguire.
Lo IASB specifica, inoltre, che la classificazione nella gerarchia è fatta dando priorità alla qualità delle informazioni utilizzate e non alle tecniche di valutazione adottate; sarà quindi il livello dell'input a determinare l'inserimento del fair value che ne scaturisce nella categoria adeguata. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

IFRS 13: novità e problematiche applicative della nuova valutazione del fair value

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Serra
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia manageriale
  Relatore: Aldo Pavan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi