Skip to content

Le ICT nel contesto educativo italiano. Analisi di fattibilità dei processi di innovazione didattica.

Il cambiamento del ruolo del docente nei contesti dotati educativi di tecnologia

Se il progresso delle nuove tecnologie sembra non arrestarsi e gli strumenti a disposizione si susseguono l'un l'altro lasciando il posto al nuovo modello più avanzato, diversamente accade con quella che è la mentalità di chi ha dovuto integrare, senza gli opportuni presupposti di formazione di base, le tecnologie nelle proprie lezioni. La diffusione evidente che questi nuovi dispositivi hanno avuto nel tessuto sociale è stata nettamente differente laddove l'azione, nella fattispecie l'azione formativa, necessita di programmi mirati e pensati, e laddove l'improvvisazione è una capacità da utilizzare solo nel momento in cui ci si può poggiare a delle solide competenze (Alessandri, 2013).
Oltre a porre l'accento sulla necessità di una formazione tecnica specifica per l'ambito didattico, gli insegnanti sottolineano la portata dell'ampliamento delle competenze che viene richiesto al loro ruolo. Per utilizzare le ICT all'interno delle lezioni, il docente non si muove solo nel contesto educativo, ma sconfina in una dimensione tecnico-informatica le cui competenze di base sono necessarie per usare con sicurezza i nuovi strumenti. Queste riflessioni hanno radici nella dicotomia che oggi si vorrebbe superata tra "esperto di didattica" e "tecnologo": in base a questa "il docente si sente convinto che il suo ruolo sia esclusivamente quello di impostare un buon metodo che sappia dosare sinergicamente interventi e strumenti, delegando la gestione delle tecnologie al tecnologo. In tal modo, tuttavia, egli si allontana progressivamente dalle tecnologie, fino a evitare un contatto vero, laddove invece nel profilo del docente professionista e ricercatore dovrebbe entrare a pieno titolo una vera e propria competenza digitale che si può esplicitare attraverso un agire continuo e proficuo, raggiunto attraverso realizzazioni di applicazioni" (Alessandri, 2013, p. 17).
In realtà, curare l'integrazione quotidiana dei nuovi media all'interno di contesti tradizionali come quello scolastico e promuoverne un loro utilizzo formativo è una responsabilità che ricade, in gran parte, sui docenti e sul loro approccio.
Assodata l'importanza delle ICT nell'educazione, il docente deve curare l'ecologia dei media intendendo con questo termine "il ritmo, la portata e la struttura del cambiamento in un ambiente" che rende possibile "comprendere e orientare le relazioni problematiche tra il cambiamento nell'istruzione e quello nella cultura. In altre parole il principio è questo: la stabilità e la vitalità di un ambiente dipendono non da quello che c'è nell'ambiente, ma dall'interazione dei suoi elementi, ossia, dalle loro diverse e dinamiche complementarità. Come esattamente le cose si completino a vicenda, è un argomento ampio e difficile: questo è il vero soggetto dell'ecologia" (Postman, 1979/1981, p.20). Come effettivamente i nuovi media siano sfruttati e qual genere di azioni formative vengano messe in pratica dipende in ampia misura dall'approccio, dall'atteggiamento e dalle metodologie che i docenti scelgono in un certo contesto. La scelta ricade, pertanto, su di loro.
I docenti che tentano un approccio innovativo scelgono di utilizzare determinate tecnologie in base alle loro esperienze pregresse, che sono di norma molto diverse: vi sono degli insegnanti che hanno consuetudine con l'uso riflessivo delle tecnologie e cercano di trasmetterlo, vi sono quelli i docenti meno esperti che si cimentano comunque nella sperimentazione di progetti innovativi. Vi sono poi i "tecno-entusiasti", in continua ricerca di supporto tecnologico e i "possibilisti" che si avvicinano con un approccio critico. Infine, c'è una minoranza di docenti che esprimono scetticismo e resistenza all'introduzione di questa innovazione (Iommi & Parigi, 2009). Il modo in cui le tecnologie verranno presentate, la capacità di presentarle come strumenti utili alla propria formazione sono fattori molto influenti sia sull'apprendimento sia nei confronti della percezione delle tecnologie didattiche da parte degli studenti, come verrà dimostrato nel primo caso più avanti.
L'utilizzo delle tecnologie didattiche nelle scuole ha portato un'altra importante trasformazione che riguarda in generale il ruolo del docente. Nelle logiche costruttiviste che sostengono l'apprendimento come azione, come elaborazione cognitiva attiva e mettono in primo piano la collaborazione come fonte essa stessa di apprendimento, l'insegnante riveste un ruolo molto diverso da quello tradizionale necessario, invece, nelle classiche lezioni frontali caratterizzate principalmente da una metodologia trasmissiva dei contenuti. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le ICT nel contesto educativo italiano. Analisi di fattibilità dei processi di innovazione didattica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Furcas
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: FORMAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE
  Relatore: Andrea  Garavaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi