Skip to content

Twitter e social media: sfide e opportunità per il giornalismo.

Informazione politica su Twitter nel sistema ibrido

Su Twitter abbiamo un flusso continuo di comunicazione che assume tratti inediti per via dell'ampliamento dei soggetti calati nelle vesti di testimoni e perché molto spesso la circolazione di informazioni sulla piattaforma supera i suoi confini approdando nei media tradizionali (Bentivegna 2013). Alfred Hermida parla poi di ambient journalism (2010a, 2013), cioè un ambiente che offre informazioni frammentate e in cui i cittadini producono piccoli contributi che possono essere considerati una forma di giornalismo. Lo studioso afferma inoltre che i tweet contribuiscono alla creazione di questo particolare ambiente giornalistico e sostiene che il valore non risiede nel singolo frammento di notizia ma nel quadro creato da tutti i tweet dello stesso argomento.

In tale ambiente, caratterizzato da un flusso continuo di informazione e dalla partecipazione di tanti soggetti diversi, i giornalisti non detengono più il monopolio sulla produzione e diffusione delle notizie perché si trovano a condividere questa attività con altri: lo si vede bene ricordando i contributi fondamentali degli utenti in occasione di eventi come la rivolta in Egitto o gli attentati terroristici visto che in molti casi i contenuti pubblicati in tempo reale su Twitter hanno costituito la principale fonte di informazione per ricostruire e interpretare avvenimenti altrimenti indecifrabili. Tutto questo comporta uno slittamento dei giornalisti dal ruolo di gatekeeping a uno di gatewatching: si pongono in una condizione ricettiva, cercando di cogliere le tendenze e facendo sempre più spesso riferimento ai tweet pubblicati dagli utenti. Certo è che grazie ai tweet i giornalisti possono individuare facilmente gli attori o i testimoni meritevoli di attenzione, inoltre Twitter è un serbatoio di sound bite, da sempre funzionali alle pratiche giornalistiche. Ciò non toglie che ci siano anche seri problemi riguardanti la natura delle informazioni diffuse via Twitter: la velocità infatti a volte comporta il sacrificio di accuratezza e controllo. Il problema è sentito soprattutto dai giornalisti, alle prese con informazioni difficilmente verificabili (Bentivegna 2013).

La diffusione degli interventi di nuovi soggetti, tra cui i cittadini, nella discussione politica ha fatto si che si realizzasse un'ibridazione mediale tra media nuovi (in questo caso Twitter) e tradizionali: per esempio accade sempre più spesso che i tweet di un giornalista o di un soggetto politico vengano riproposti dai media tradizionali, anch'essi a loro volta presenti sulla piattaforma per offrire link e riproporre servizi. Questo fenomeno sta modificando i cicli di produzione dell'informazione politica perché comporta anche che gli appartenenti alle non élite abbiano sempre più opportunità di partecipare alla produzione e siano anche in condizione di interagire con i membri delle élite, giornalisti e politici in particolare, come abbiamo già visto in parte riportando lo studio di Bentivegna e Marchetti sul dibattito televisivo "Italia bene comune".
Un altro esempio è ciò che è successo nel 2013 durante l'elezione del Presidente della Repubblica, quando la scelta è stata condizionata dall'enorme flusso di messaggi pubblicati sui social network: i messaggi contro la candidatura di Marini, la diffusione della foto dell'abbraccio tra Alfano e Bersani, i tweet di accusa di Grillo, Renzi e Vendola. Tutto ciò ha condizionato il dibattito pubblico ed è stato in grado di produrre degli effetti politici: "si può ipotizzare che i social network abbiano giocato un ruolo decisivo nella bocciatura di Marini e nel determinare lo sconquasso del gruppo dirigente del PD" (Mancini, Mazzoni 2013).

Nel sistema ibrido dunque i vecchi e i nuovi media interagiscono tra loro (lo si vedrà bene anche dallo studio di Mancini e Mazzoni sull'interazione tra carta stampata e social network, paragrafo 3), nutrendosi a vicenda e andando così a modificare la struttura dell'arena politica. Il successo del Movimento 5 Stelle ne è un esempio: il consenso è stato raccolto sul web ma è stato grazie al lavoro di diffusione di massa e amplificazione svolto dai media tradizionali che si è potuti arrivare al successo. È per questo motivo che sempre più politici scelgono di affidare i propri messaggi a Twitter malgrado la platea limitata della piattaforma: sanno che così facendo le loro parole arriveranno direttamente ai giornali, scavalcando il filtro delle agenzie di stampa.
Possiamo quindi affermare che i social network stanno cambiando la struttura e il funzionamento della sfera pubblica perché rendono il dibattito pubblico più complesso: se prima il discorso politico era appannaggio dei soli politici oggi abbiamo un sacco di attori, di natura diversa, abilitati a parlarne. Dunque il pubblico attivo si allarga e nuovi attori entrano a farne parte per mezzo di una sorta di "legittimazione digitale". Ma la complessità risiede anche nella struttura delle relazioni che si stabiliscono e soprattutto nella loro velocizzazione. Tutto ciò può portare grandi opportunità per la democrazia in termini di pluralismo, trasparenza e controllo sull'operato di chi detiene il potere; allo stesso tempo però la vita democratica diventa anche più complessa perché aumentano le negoziazioni, aumentano i punti di vista e le fonti di informazione e si rischia di incorrere in confusione e difficoltà di muoversi adeguatamente tra i messaggi e le informazioni (Mancini 2013).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Twitter e social media: sfide e opportunità per il giornalismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ambra Dinetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione, media e giornalismo
  Relatore: Carlo Sorrentino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi