Skip to content

Dal Combattimento alla Lesione: Ricerca di Indicatori in Reperti Scheletrici Umani di Età Nuragica

Introduzione alla civiltà nuragica

Tra la fine dell'età del bronzo antico (2300-1700 a.C.) e gli inizi del Bronzo Medio 1 BM1 (1700-1600 a.C.), compare in Sardegna la così detta facies di Sa Turricola, considerata la prima manifestazione della civiltà nuragica. Questa cultura avrà in Sardegna un forte sviluppo lungo tutta l'età del bronzo, per poi gradualmente evolvere modificandosi nell'età del ferro a seguito dei contatti con le popolazioni fenicie e concludersi definitivamente nel IV secolo a.C. a seguito della conquista cartaginese dell'isola.

La principale manifestazione architettonica di questa civiltà è stata sicuramente il nuraghe, una torre ciclopica dalla forma troncoconica (o allungata nel caso dei nuraghi a bastione), costruita a secco mediante il solo utilizzo di massi di notevoli dimensioni. Tali strutture potevano disporre anche di tre camere con falsa volta ad ogiva, l'una sovrapposta all'altra in verticale, collegate da una scala elicoidale che poteva partire dal corridoio d'ingresso o dalla camera. La scala infine sfociava in una sorta di terrazzo realizzato al culmine della struttura, ed il suo perimetro era ulteriormente arricchito di particolari mensole a sbalzo, che ne aumentavano la superficie. L'intera isola è costellata da queste costruzioni, che sono ben valse a dare il nome a questa cultura.

Anche verso la fine dell'età del bronzo, quando i nuraghi non vennero più costruiti, tale cultura continuerà a riflettersi in questo monumento-simbolo, con la creazione di un'innumerevole quantità di manufatti facenti un chiaro riferimento alle strutture nuragiche: navicelle in bronzo con alberi maestri raffiguranti nuraghi, bottoni, lisciatoi, modellini in pasta vitrea, altari, betili-torre, modellini in bronzo, incisioni su forme vascolari e molti altri esempi.
Sebbene "l'età d'oro" della costruzione dei nuraghi fosse finita, il monumento rimaneva ancora un forte simbolo di riferimento per le popolazioni indigene. Altre manifestazioni architettoniche non meno importanti sono le tombe dei giganti, sepolcri collettivi di forma allungata, sviluppo delle più antiche allees, che vengono modificate con l'aggiunta ai lati dell'ingresso di due bracci murari ricordanti la forma di una mezzaluna, cooperanti a creare con il corpo tombale, forse una raffigurazione della divinità taurina da loro adorata.

Tra gli edifici cultuali del periodo nuragico sono di estrema importanza anche i pozzi sacri, strutture cultuali presso cui è stata ritrovata la quasi totalità delle statuette bronzee raffiguranti guerrieri armati, sacerdoti, sacerdotesse, capitribù, oranti, offerenti ed ex-voto, donati alla divinità per ingraziarsi la sua benevolenza. Da queste strutture inoltre provengono numerosi manufatti che testimoniano i contatti commerciali con luoghi anche molto distanti dall'isola (dal Baltico alla Grecia Micenea e a Cipro). Meno note ma non meno importanti, le strutture precedentemente note come megaron, sulla base della loro somiglianza con i contemporanei edifici abitativi greci, rinominati "templi in antis", edifici forse adibiti al culto di divinità uraniche o legate (come per i pozzi sacri e le fonti sacre) alle divinità dell'acqua o al suo utilizzo rituale; anche da questi edifici proviene un certo numero di manufatti di estrema importanza a livello iconografico (bronzi figurati). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dal Combattimento alla Lesione: Ricerca di Indicatori in Reperti Scheletrici Umani di Età Nuragica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Atzeni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Giovanni Umberto Floris
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
archeologia sperimentale
nuragico
tauma
cut-marks
segni traumatici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi