Skip to content

Determinazione dell'effetto filtro in fondazioni interrate

Metodi semplificati per lo studio del SSI

Esistono metodi semplificati che possono tener conto, seppur in maniera approssimata, dei fenomeni di interazione. Per prima cosa è necessario capire quali sono le differenze tra un'analisi che considera l'interazione e un'analisi che non la considera (modellazione strutturale a vincoli fissi). Come già osservato nel paragrafo § 1.1, si osservano tre sostanziali differenze:
• I periodi strutturali sono diversi. In particolare la struttura a vincoli fissi è più rigida rispetto al sistema completo struttura-fondazione-terreno;
• Lo smorzamento del sistema è differente. Nel modello a vincoli fissi la quantità di energia immessa nel sistema viene dissipata solo dallo smorzamento materiale della struttura. Nella realtà, parte di questa è dissipata anche nel terreno per smorzamento sia materiale sia geometrico;
• La presenza della fondazione modifica il segnale sismico (effetto filtro).

In Italia, la progettazione di strutture sotto azioni sismiche viene generalmente condotta ignorando l'interazione terreno-fondazione-struttura:
• nel caso di una progettazione mediante spettri di risposta, si considerano solo gli effetti di amplificazione sismica locale, che vengono tenuti in conto modificando la forma degli spettri di progetto in funzione della categoria di sottosuolo, attraverso coefficienti forniti dalla normativa tecnica;
• nel caso di una progettazione mediante analisi dinamiche nel dominio del tempo, generalmente si modella la struttura a vincoli fissi, applicando alla base una storia temporale di accelerazioni (accelerogramma naturale/artificiale) compatibile con lo spettro di risposta caratteristico del sito in esame (su affioramento roccioso o relativo alla categoria di sottosuolo del sito).

Un modo per tener conto dell'effetto filtro, sebbene non rigoroso, consiste nell'applicare i fattori d'interazione cinematica, Iu(ω)e Iθ(ω), direttamente allo spettro di risposta (Mylonakis et al., 2006). Questo metodo è molto semplice da applicare, in quanto le norme tecniche forniscono l'accelerazione sismica di progetto tramite spettri di risposta. In particolare, definita Sa(ω) la pseudo-accelerazione spettrale di progetto e ricordando la definizione dei due fattori di interazione, si applica un'accelerazione al baricentro della massa, posta ad altezza Hc dalla base della fondazione, pari a Sa(ω) × [Iu(ω)+ Iθ(ω)Hc/a], dove a è la semi-larghezza della fondazione. Va ricordato che gli spettri di risposta forniti dalle norme tecniche tengono conto, seppur in maniera semplificata, dei fenomeni di amplificazione sismica dovuti alla stratigrafia e morfologia del terreno. Quindi il progettista strutturale, senza ricorrere ad analisi di RSL, ma solo utilizzando formule di normativa, e appoggiandosi a formule semplificate per le funzioni filtro, è in grado di considerare, almeno in prima approssimazione, sia l'amplificazione dovuta al sito, sia l'effetto filtro indotto dalla fondazione.
Per quanto concerne la modifica delle proprietà dinamiche del sistema (periodo naturale e smorzamento), in Maravas et al. (2014) è illustrato un procedimento che permette di calcolare la variazione del periodo proprio strutturale e del coefficiente di smorzamento ξ partendo dalla conoscenza di tre parametri:
• periodo proprio della struttura a vincoli fissi;
• rapporto di smorzamento ξ della sola struttura;
• funzioni di impedenza della fondazione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Determinazione dell'effetto filtro in fondazioni interrate

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Morigi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Riccardo Ing. Conti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
re[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fim
interazione terreno fondazione struttura
ssi
effetto filtro
fondazioni interrate
interazione cinematica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi