Skip to content

La simulazione del contratto

Il Contratto Simulato

Il Contratto simulato è il mezzo attraverso il quale le parti creano l'apparenza negoziale. La caratteristica principale del contratto Simulato è quella di non essere effettivamente voluto dalle parti e si contrappone, proprio in virtù di questa caratteristica, al contratto realmente voluto, quello dissimulato.
Le problematiche cha scaturiscono dal contratto simulato sono principalmente due: la produttività dei suoi effetti e la sua qualificazione giuridica. Riguardo la sua qualificazione giuridica si dirà in seguito; per quel che concerne invece gli effetti del contratto simulato, concordemente al criterio per cui la realtà deve prevalere sull'apparenza, tali effetti non si producono tra le parti, salva l'inopponibilità della Simulazione nei confronti dei terzi aventi causa in buona fede. Tale scelta rivela un atteggiamento rispettoso dell'autonomia privata e dimostra, da parte dell'ordinamento vigente, un intento non repressivo del fenomeno; se così non fosse infatti, il modo più intuitivo di disincentivare al ricorso alla Simulazione, insieme al fatto di considerare nulle le controdichiarazioni, sarebbe proprio quello di far produrre i suoi effetti al contratto simulato.
Alla luce di quanto espresso, consegue che il contratto simulato non producendo i suoi effetti tipici, non acquista efficacia in virtù della trascrizione.
Contestualmente all'accordo sul contratto simulato, le parti possono stabilire obblighi strumentali di carattere accessorio, necessari al fine di rendere l'apparenza creata dalla Simulazione credibile alla percezione altrui, regolati sulla base di quanto previsto dal Codice Civile in tema di mandato. Pertanto nel caso di un simulato contratto di compravendita, il simulato acquirente dovrà gestire il bene seguendo le indicazioni fornite dal simulato alienante ed informandolo nel caso di eventuali circostanze sopravvenute; e il simulato alienante, essendo il soggetto effettivamente interessato al bene, dovrà sopportare tutti i costi ad esso relativi, rimborsando le spese sostenute sul bene e corrispondendo l'eventuale compenso pattuito.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La simulazione del contratto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Taraschi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Gallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

negozio giuridico
creditori
buona fede
alienante
apparenza
controdichiarazione
riserva mentale
simulazione del contratto
interposizione fittizia reale
accordo simulatorio
negozio giuridico
negozio giuridico
creditori
creditori
buona fede
buona fede
alienante
alienante
apparenza
apparenza
controdichiarazione
controdichiarazione
riserva mentale
riserva mentale
simulazione del contratto
simulazione del contratto
interposizione fittizia reale
interposizione fittizia reale
accordo simulatorio
accordo simulatorio
buona fede
creditori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi