Skip to content

Pontormo Visionario

Raffaello: il principe del Classicismo

Siamo nei primi anni del Cinquecento e incontriamo un personaggio come Raffaello.
Allievo del Perugino, da Urbino arriverà a Roma, passando per Firenze. La sua carriera si può dividere in tre fasi: la prima, peruginesca, legata al suo maestro e, tutto sommato, alla pittura quattrocentesca; la seconda, relativa al periodo fiorentino dell'artista; la terza, quella della maturità, in cui si troverà a lavorare a Roma, alla corte del papa.
Purtroppo la sua carriera avrà breve vita in quanto egli morirà giovane, nel 1520.
L'importanza di Raffaello è estrema anche per la successiva comprensione del Manierismo. Facendo un rapido Tour, partendo dagli albori della sua carriera, troviamo un'opera di estrema importanza, appartenente al suo periodo peruginesco: lo Sposalizio della Vergine (1504). Qui viene raccontato il matrimonio di Maria e Giuseppe da cui nascerà Gesù: il fulcro del discorso è che da questo matrimonio nascerà poi la Chiesa.

Soffermandoci per un attimo sullo schema compositivo, Raffaello segue quello della Consegna delle chiavi (1481-1482 circa) del Perugino. Da notare, inoltre, che sullo sfondo della scena vi è una chiesa che ricorda le architetture di Bramante. Giulio Carlo Argan, parlandoci di questa opera, dice che il luogo fisico dello spazio corrisponde al luogo metafisico. Ed è vero, in quanto ciò avviene attraverso l'adozione di una perfetta prospettiva (siamo nella celebrazione della prospettiva rinascimentale), la quale "corre" verso la chiesa, edificio che rappresenta non una semplice struttura fisica, ma la Chiesa in quanto istituzione.

Passando al periodo fiorentino dell'artista, vi troviamo opere come la Maddalena Doni (1506-1507 circa), commissionata dalla famiglia Doni. Cosa interessante è che, nonostante quest'opera sia un ritratto di un personaggio ricco borghese, c'è comunque un significato teologico: c'è un solo modulo, quello ovoidale, che si ripete all'infinito nell'opera. Pertanto, anche nel momento in cui viene affrontato un tema come quello del ritratto, è sempre presente l'idea che l'arte debba rappresentare la struttura architettonica e ordinata dell'Universo, che è frutto della creazione divina.

Quest'ordine generale si riflette anche nell'elemento particolare. Ovviamente stiamo parlando di un'arte colta, raffinata, intellettuale, piena di elementi di natura concettuale, di un'arte studiata nei minimi particolari, con motivazioni filosofico-teologiche: il caso non esiste, neanche una pennellata è frutto di esso. Altra opera del periodo fiorentino di Raffaello è la Madonna del Cardellino (1507 circa), sintesi della teologia cattolica.

Ultima opera d'impegno dipinta a Firenze è la Sepoltura di Cristo (1507). L'arte non deve occuparsi dell'orrore del mondo terreno, bensì deve esaltare l'Assoluto: Raffaello era cosciente di ciò che gli accadeva attorno, del fatto che nel mondo terreno ci fosse il peccato, il male; ma non era questo che doveva interessare l'artista, perché l'arte era tenuta ad elaborare un racconto fuori dal tempo, a parlare del mondo metafisico. In Raffaello il Classicismo funziona alla perfezione: la teoria classicista dice che si devono affrontare i temi drammatici, come la deposizione di Cristo, ma allo stesso tempo il dramma non deve essere eccessivo; ci deve essere il dolore, l'emozione, ma non un senso di lacerazione; ci deve essere il pathos, ma deve sempre rientrare nell'ordine, nella compostezza, non deve mai essere esagerato, non deve in nessun caso sconvolgere la composizione. Arriviamo ad affrontare il rapporto tra Raffaello e Michelangelo.

È un sentimento di amore e odio da parte dell'Urbinate: per un verso Raffaello è affascinato dalla figura di Michelangelo, addirittura lo citerà. Entrambi lavoreranno per papa Giulio II in Vaticano. Ci sarà uno scontro di proporzioni straordinarie: il duello Michelangelo vs Raffaello è un contrasto a livello caratteriale, psicologico, ma soprattutto sarà uno scontro culturale, filosofico e religioso. Mentre per Raffaello la fede religiosa è nient'altro che la dichiarazione chiara e distinta delle verità della fede, Michelangelo vive l'esperienza religiosa in maniera tormentata fino all'ultimo giorno della sua esistenza, a cui si aggiunge tutto il problema della sua omosessualità: si troverà diviso tra omofobia cattolica e omofilia pagana. Ecco il motivo della rottura con Michelangelo: in Raffaello non c'è il senso dello sconvolgimento, il senso della catastrofe, per Michelangelo, invece, la fede è tormento, è angoscia, quello con Dio è un rapporto straziante, mentre per Raffaello il rapporto con Dio è dimostrativo, matematico, geometrico. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Pontormo Visionario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marilde Mirra
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Pittura
  Relatore: Robertomaria Siena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rinascimento
manierismo
cinquecento
pontormo
pontormo visionario
marilde mirra
classicismo rinascimento
cultura rinascimento
storiografia rinascimento
arte rinascimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi