Skip to content

Origine e provenienza dei prodotti alimentari: un problema irrisolto nel diritto dell'Unione Europea

La tutela del Made In Italy

In origine l'espressione Made in Italy fu utilizzata dai produttori italiani, a partire dagli anni '80, nell'ambito di un processo di rivalutazione e difesa dell'italianità del prodotto, allo scopo di contrastare la falsificazione della produzione artigianale e industriale italiana, in particolar modo nei quattro settori di eccellenza italiana: cibo, moda, arredamento, meccanica. In Italia noti anche come "le quattro A": Agroalimentare, Abbigliamento, Arredamento, Automobili.
Ancora oggi leggiamo su riviste e giornali dell'orgoglio per il Made in Italy e sentiamo parlare in tv o alla radio dell'eccellenza italiana nel settore alimentare e di come questa sia a rischio e vada tutelata.
La tutela dei prodotti Made in Italy è, quindi, un argomento attualissimo, di cui si parla in dottrina, in giurisprudenza e in Parlamento da diversi anni.
Questo perché il settore alimentare italiano è una delle più importanti risorse da salvaguardare, dal momento che rappresenta uno dei pilastri della nostra economia, il quale potrebbe essere utilizzato come strumento per rilanciare la nostra credibilità nel mondo.
Da molti anni in Italia si è acceso il dibattito sulla necessità di adottare un marchio volto alla tutela dei prodotti agroalimentari Made in Italy, dibattito che è tornato alla ribalta in vista dell'Expo 2015, che avrà come tema "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita" e che punterà i riflettori sul comparto agroalimentare.
Infatti, l'attuale ministro all'agricoltura, Maurizio Martina, ritiene che siano maturi i tempi per la creazione di un marchio unico dell'agroalimentare italiano, destinato in specie all'export e alla tutela dei nostri prodotti all'estero.
Esiste già, in effetti, un disegno di legge, il n. 1061 presentato il 13 settembre 2013 dalla vicepresidente del Senato, Valeria Fedeli, e attualmente in esame alla decima commissione permanente, sull'istituzione del marchio "Italian Quality" per il rilancio del commercio estero e tutela dei prodotti Italiani, una sorta di passaporto che consentirebbe ai nostri prodotti di essere riconosciuti nel mondo.
Tale ddl viene giustificato dai suoi promotori alla luce della necessità di offrire una via d'uscita all'economia italiana, caratterizzata da un mercato interno in forte crisi a causa della debolezza della domanda interna, attraverso la promozione e la tutela del commercio estero. Questo perché il Made in Italy significa, per i consumatori di tutto il mondo, qualità assoluta e, per noi italiani, rappresenta anche un asset di valore inestimabile.
Dobbiamo ricordare, però, che esso non rileva solo dal punto di vista economico, ma deve essere tutelato in quanto espressione di conoscenze, valori e tecniche, che hanno saputo sopravvivere e adeguarsi alle nuove esigenze del mercato. Un mercato globale in cui i produttori italiani sono svantaggiati rispetto a quelli dei nuovi Paesi emergenti, che producono a costi molto più bassi e in assenza di disposizioni che tutelino la sicurezza e la salute dei lavoratori, e in cui i prodotti italiani sono oggetto di imitazione e contraffazione. Ancora, un mercato dove anche i consumatori, attenti all'origine del prodotto e per i quali il fatto che l'intero ciclo di produzione si svolga in Italia costituisce criterio di scelta, risultano svantaggiati. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Origine e provenienza dei prodotti alimentari: un problema irrisolto nel diritto dell'Unione Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: GIADA RUSCICA
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: DIRITTO DEGLI ALIMENTI
  Relatore: MARIA PIA GENESIN
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 241

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etichettatura
origine degli alimenti
provenienza dei prodotti alimentari
etichettatura d'origine
regolamento n. 1169/2011

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi