Skip to content

La politica estera dell'Iran contemporaneo

Il sostegno iraniano alla ''primavera araba'' - Il risveglio islamico tra passato e presente

Gli eventi che hanno infiammato il Nord Africa e il Medio Oriente nel corso del 2011, comunemente definiti "primavera araba", hanno causato la caduta o la destabilizzazione di regni e repubbliche segnando un radicale cambiamento in tutta la regione e rimettendo in gioco l'equilibro delle potenze operanti nell'area.

Per quanto questo cambiamento sia considerato da molto analisti uno spartiacque storico, paragonabile alla seconda guerra mondiale o alla caduta del Muro di Berlino, secondo il mio modesto parere si tratterebbe di una riedizione delle lotte che già dagli anni '70 contrapponevano gioventù povera e gruppi islamisti alleati alla classe dirigente laica nazionalista filoccidentale o filosovietica a seconda dei casi; la sostanziale differenza è che la vittoria, questa volta, sia stata registrata dagli islamisti.

Già dagli anni '70 del secolo scorso, infatti, il boom demografico dei paesi Nordafricani e Vicino orientali aveva causato un esodo di massa dalle campagne alle città, in cui i giovani si riversavano in cerca di prospettive di vita migliori, spesso promesse dall'ideologia dominante. Le frustrazioni della gioventù araba furono abilmente sfruttate da movimenti islamisti che riscossero grande successo tra queste masse di diseredati. Questi gruppi iniziarono così la loro scalata al potere scontrandosi, spesso in modo anche violento, con la classe dirigente; i principali esempi di questi scontri li ritroviamo nella storia algerina ed egiziana.

Negli anni '80, inoltre, i due baluardi dell'islam politico si "scontreranno" per ampliare la propria influenza ed ottenere la supremazia nella regione; parliamo ovviamente della Repubblica islamica dell'Iran, portatrice di un modello sciita e rivoluzionario, e l'Arabia Saudita, monarchia assoluta difenditrice dei luoghi sacri dell'Islam e fautrice di una visione islamica reazionaria e puritana, il wahabismo.

Da un lato la monarchia saudita espandeva la propria influenza con i finanziamenti della Banca islamica di sviluppo, mentre dall'altro l'Iran tentava di esportare la rivoluzione in Iraq (col quale era in guerra) e in Libano, dove creò, come abbiamo visto, la milizia Hezbollah.

Al di là della diffusione dell'islam politico a scapito dei regimi laici, progressisti e nazionalisti, l'élite al potere in questi Stati mantenne saldamente il controllo nei rispettivi territori cooptando parte del discorso islamista o semplicemente reprimendolo con violenza.

Il 2011 vede così riaccendersi il fuoco della protesta, le cui radici affondano nel secolo precedente. Lo scenario è simile, i giovani rappresentano più del 50% della popolazione di quei paesi, sono istruiti ma non trovano un lavoro all'altezza della loro istruzione, la disoccupazione dilaga e la crisi economica diventa la goccia che fa traboccare il vaso. Inoltre la diffusione e la propaganda dei partiti islamici più o meno radicali ha continuato negli anni a fare proseliti tra una popolazione che faticava a riconoscersi in un sistema spesso corrotto, sottomesso agli interessi occidentali e che non era più in grado di garantire il benessere sociale dei cittadini. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La politica estera dell'Iran contemporaneo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Padovan
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e di governo
  Relatore: Alberto Martinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 243

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geopolitica
iran
khomeini
sciiti
velayat-e-faqih
costituzione iraniana
ahmadinejad
khamenei
pasdaran
dossier nucleare iran

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi