Skip to content

Il trauma psicologico della guerra. Progetto per la creazione di un centro di ricerca e di assistenza psicologica per il personale militare impiegato in missioni operative.

Quale lavoro dopo “il mestiere delle armi”?

La difficoltà di riadattarsi alla vita civile diventa particolarmente evidente quando i reduci, una volta tornati a casa e rimessi gli abiti civili, incominciano a cercare un lavoro.

Quali opportunità ha un ex-soldato di trovare un lavoro da “civile”? Come possono impiegare le capacità che hanno imparato durante l’addestramento e le missioni? Secondo Shay non ci sono molte occupazioni civili che diano la possibilità agli ex-soldati di utilizzare le abilità apprese sotto le armi.

Tra le maggiori abilità apprese durante l’addestramento militare e il combattimento figurano:

- Capacità di rispondere istantaneamente alla violenza
- Continua vigilanza nei confronti di situazioni di pericolo
- Soppressione della pietà, del senso di orrore, del senso di colpa, di disgusto e di pena
- Abilità ad adattarsi alla durezza di condizioni fisiche e psicologiche estreme (Shay 2002)

E’ chiaro che non ci sono molte occupazioni lavorative in ambito civile che richiedono questo genere di abilità. Per questa ragione uno dei maggiori problemi che i reduci sperimento dopo aver lasciato il mondo militare è quello della difficoltà di trovare un lavoro che possa dare soddisfazione, che possa davvero piacere loro e che li faccia sentire utili per la società.

Shay continua dicendo che un numero significativo di reduci con i quali ha lavorato durante la sua carriera professionale ha avuto problemi con la legge e che questa non è una condizione inusuale tra gli ex soldati, infatti E. Tick nel suo libro “War and the Soul” afferma che negli USA il numero di reduci detenuti nelle prigioni per comportamenti criminali è tre volte superiore a quello della popolazione in generale (Tick 2005, 304).

Essi sono incapaci di lasciare le loro modalità da combattenti e sembrano adattarsi facilmente alla “carriera criminale”. La capacità di rubare una cassaforte e di aprirla sapientemente con l’esplosivo potrebbe essere vista come un’applicazione civile delle abilità militari, fa notare ironicamente l’autore. (Shay 2002)

A volte può non essere soltanto l’incapacità di adattarsi ad un lavoro nomale e il bisogno di far soldi che spinge i reduci verso azioni criminali, spesso è la necessità di ri-sentire il brivido dell’azione. Una carriera criminale permette di rimanere in “modalità di combattimento”, usando le abilità duramente conquistate in ambiente militare.

Al contrario, i reduci che decidono di trovare un impiego “legale” potrebbero avere due differenti approcci al lavoro: potrebbero da un lato essere incapaci di mantenere un impiego per lungo tempo, cambiando occupazione molte volte nella loro vita, oppure potrebbero dedicarsi completamente al lavoro con una devozione che a volte rasenta il fanatismo (Shay 2002)

Questo secondo gruppo non è affatto interessato ai soldi; essi semplicemente prendono il lavoro come una sorta di missione da portare a termine, una missione che permette loro di dimenticare ogni altro problema. Le famiglie di questi ex-soldati hanno solitamente una buona situazione finanziaria ma mancano di qualsiasi supporto emotivo da parte del loro congiunto (Shay 2002)

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il trauma psicologico della guerra. Progetto per la creazione di un centro di ricerca e di assistenza psicologica per il personale militare impiegato in missioni operative.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ileana Robbiati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali
  Relatore: Alberto Giasanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

post-traumatic stress disorder
operazioni di pace
dpts
disturbo post traumatico da stress
ptsd
sociologia militare
psicologia militare
combat stress reaction
veterani
reduci di guerra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi