Skip to content

Le collaborazioni fra Luciano Berio e Italo Calvino: i libretti d'opera

Berio e Calvino: lettere e duetto

Nella versione definitiva del libretto di Un Re in Ascolto (1983), Berio, oltre al materiale sopra analizzato, inserisce anche parte degli scambi epistolari e delle discussioni sui temi avute con Calvino. Nel DUETTO II in cui Prospero ed il Regista si confrontano sulla loro diversa idea rispetto alle prove dello spettacolo, per la prima volta Prospero incontra il Regista fuori dallo spazio della sua dimensione (la sua stanza): la loro discussione sottolinea le difficoltà che si presentano in un dialogo quando l’ascolto viene a mancare, ed in particolare la precisazione di Prospero: «…udire ed ascoltare non sono la stessa cosa…», rimanda alla contenuto del saggio di Barthes sull’ascolto, di cui i due autori avevano a lungo trattato, discusso, elaborato e sviluppato nel loro abbondante scambio epistolare.

Lo spettacolo messo in scena non è, quindi, un’opera conclusa, ma si propone di coinvolgere lo spettatore all’interno dei processi creativi. Nelle due lettere in cui Calvino ripercorre le tappe dello scambio avuto con Berio agli inizi della lavorazione del libretto di Un Re in Ascolto, emergono i nodi che andranno a formare il reticolato sul quale prenderanno posto i personaggi dell’opera.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le collaborazioni fra Luciano Berio e Italo Calvino: i libretti d'opera

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Mela
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Arnaldo Picchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi