Skip to content

Bruno Bettlheim e l'importanza dei libri nella prima infanzia

La Bella Addormentata nel bosco

Mentre molte fiabe pongono l'accento sulle imprese che i protagonisti devono compiere per diventare se stessi, la Bella Addormentata pone l'accento su una lunga e calma concentrazione.
Il lungo sonno della ragazza inizia proprio durante il periodo della pubertà, periodo di grandi trasformazioni ma nel quale ragazze e ragazzi diventano apatici e si chiudono in sé stessi.
Questa fiaba ha come tema centrale il periodo di passività, in cui non ci preoccupa ma in cui le cose continueranno a evolversi.
Il lieto fine assicura al bambino che non rimarrà bloccato per sempre in una condizione di inattività anche se gli può sembrare che questo momento sia molto lungo e non finisca più.
Dopo il periodo di inattività che si ha di solito durante i primi anni della pubertà i ragazzi si rifanno diventando attivi e vivendo le loro avventure.
La storia della Bella Addormentata è oggi conosciuta in tre versioni quella di Perrault, quella dei fratelli Grimm e quella di Basile. Bettelheim decide di utilizzare per spiegare le differenze tra versioni, inizialmente la fiaba di Basile.
Alla nascita della figlia Talia il re chiese a tutti i veggenti di svelargli il futuro della neonata e così essi arrivarono alla conclusione che la giovane avrebbe corso un grande pericolo appena diventa grandicella a causa di un frammento di lino.
Il re impaurito decise quindi di eliminare tutto il lino e la canapa dal suo castello. Un giorno però la ragazza ormai cresciuta vide una vecchia intenta a filare, divertita e incuriosita volle provare anche lei, ma un frammento di canapa le si infilò sotto l'unghia e così Talia cadde a terra morta all'istante.
Il re sconvolto mise la ragazza morta in una stanza e abbandonò il castello per cancellare il suo dolore.
Qualche tempo dopo un altro re stava cacciando quando il suo falco si intrufolò in una finestra aperta del castello e non fece più ritorno.
Il re entrò così nel castello, vide la ragazza addormentata e se ne innamorò, ma, vedendo che non si risvegliava decise di andarsene dimenticandola.
Talia sempre addormentata, nove mesi dopo mise al mondo due bambini e uno di essi succhiò per sbaglio il dito della ragazza e essa si risvegliò dal suo sonno profondo.
Passato più di un anno il re ricordò la sua avventura, andò a vedere Talia e fu molto contento di vederla sveglia e così non riuscì più a dimenticarla.
La moglie del re accortasi del tradimento di suo marito manda a prendere i due figli di Talia e ordina al cuoco di cucinarli. Il cuoco disubbidendo agli ordini, nascose i bambini in casa sua e fece cucinare al loro posto dei capretti.
La fiaba si conclude poi nel migliore dei modi in quanto il re sposa Talia mentre la moglie gelosa viene gettata nel fuoco. Nella fiaba di Basile il re vuole talmente tanto bene alla figlia che nel momento in cui la giovane piomba in un sonno profondo simile alla morte egli non riesce più a rimanere nel castello che è costretto ad andarsene e successivamente nella storia subentra un altro re.
Perrault prende le distanze da Basile ed infatti il secondo re è sostituito da un principe il quale non è sposato e non ha figli. Perrault non riesce inoltre a distaccarsi dalle questioni edipiche in quanto nella sua storia la regina non è gelosa del tradimento del marito ma del figlio che si è innamorato di quella ragazza.
La sua storia della Bella Addormentata contiene inoltre due parti incongrue la prima che termina con il principe che sveglia la ragazza e la sposa seguita da una seconda parte in cui viene detto che la madre del principe azzurro è in realtà un orchessa pronta a divorare tutti i bambini e con essi anche i suoi nipoti.
Nella fiaba di Perrault non è fornita una spiegazione per l'odio della regina ed inoltre il principe azzurro tiene segreto per due anni il suo matrimonio con la principessa
La versione più nota oggi è quella dei fratelli Grimm che riprende la storia di Perrault anche se ne toglie alcuni punti.
Nella storia dei fratelli Grimm si trova la madre che è scissa negli aspetti buoni e in quelli cattivi e al contrario delle due versioni precedenti nei fratelli Grimm la fata malvagia non viene punita.
Per quanto vi siano varianti nelle tre versioni il tema centrale è che nonostante tutti i tentativi di impedire il risveglio sessuale da parte dei genitori esso avverrà comunque ed inoltre le due versioni iniziano dicendo che può essere necessario attendere a lungo prima che si trovi la realizzazione sessuale che avviene con la procreazione di un figlio.
La lunga attesa dei genitori per avere un figlio che finalmente arriva suggerisce l'idea che non bisogna mai affrettarsi.
Quando diventa adolescente la ragazza esplora zone che prima erano inaccessibili ed è per questo che vede una donna anziana filare e che si punge addormentandosi profondamente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Bruno Bettlheim e l'importanza dei libri nella prima infanzia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Cavagna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Adolfo Scotto di Luzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi