Skip to content

Società multinazionali ed etica d'impresa ''la globalizzazione che funziona''. Le politiche di CSR del gruppo Ferrero

La new economy e l'impatto delle nuove tecnologie

La New Economy rappresenta il vero evento di rottura rispetto all'evoluzione storica dei fatti economici del passato, figlia di un nuovo mondo di comunicazione chiamato internet e dalla diffusione planetaria delle tecnologie dell'informazione: "Il costo di una telefonata di tre minuti da New York a Londra è calato in maniera sbalorditiva: nel 1930 era circa di 250 dollari di oggi, e ora bastano pochi centesimi. In anni più recenti il numero di canali telefonici attraverso l'Atlantico è balzato dai 100,000 del 1986 a più di 2 milioni di oggi. Gli utenti di internet che nel 1986 erano appena 5.000, ora sono diventati più di 30 milioni" è solo con essa che il mondo diventa globale, è la sua irruzione è divenuta il momento fondante della globalizzazione, rendendola specifica e distinta da ogni precedente processo d'internazionalizzazione, generando, secondo il parere dell'economista Lester Thurrow, una terza rivoluzione industriale.

Gli studiosi sono concordi nell'affermare come l'avanzamento delle nuove tecnologie abbia un peso determinante nelle dinamiche di sviluppo economico. Il fenomeno della New Economy si lega soprattutto ad una notevole crescita dell'economia americana caratterizzata da un forte ciclo espansivo ed assenza di inflazione che portò ad una quasi piena occupazione. Il termine New Economy fu coniato per la prima volta dall'economista canadese Nvala Beck, per descrivere gli enormi cambiamenti economici e strutturali degli anni '80 e '90, negli anni Ottanta l'uso del termine iniziò a diffondersi tra i media statunitensi e di New Economy si è cominciato a parlare diffusamente solo nel 1997, grazie alla celebre inchiesta del giornalista Kevin Kelly sulla rivista americana "Wired", come ultima tappa di un processo tumultuoso di innovazione tecnologica, cominciato in California negli anni sessanta che ha dato vita ad una, per certi versi, nuova rivoluzione industriale imperniata sulla diffusione delle nuove tecnologie legate all'avvento dell'informatica ed in particolar modo alla creazione d'internet, ritenuto il più grande sistema di comunicazione mai creato dall'uomo. Un mezzo di comunicazione di massa capace di generare una nuova economia che possiamo definire come "l'economia della rete" capace di ampliare le dimensioni dei mercati e velocizzarne il funzionamento in termini di produzione, distribuzione e consumo.

La New Economy "…secondo alcuni studiosi, sulla scia della rivoluzione informatica iniziata dopo il secondo conflitto mondiale e rallentata dagli accadimenti degli anni Settanta, avrebbe avviato una ulteriore accelerazione della produttività, e una nuova spinta al processo di globalizzazione, per effetto delle Information and Communication Tecnologies" a fondamento dell'attuale processo di globalizzazione.
Come ha evidenziato Marshall MacLuan "la comunicazione non si riferisce più a strutture solide, quali strade o ponti, ma al movimento d'informazione in un mondo fatto di "subitaneità", in particolare, l'espansione di Internet, soprattutto in termini di utilizzo globale, sarà il canale principale di espansione e sviluppo della New Economy, soprattutto per l'impatto che avrà nelle società di nuova formazione e in particolare per le sue implicazioni con il mercato azionario. Grazie a Internet e all'innovazione telematica e alla sua diffusione che la New Economy può, svilupparsi, infatti, è Internet a dare un impulso nuovo all'economia globale, rendendola integrata e globalizzata. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Società multinazionali ed etica d'impresa ''la globalizzazione che funziona''. Le politiche di CSR del gruppo Ferrero

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Di Vico
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e management
  Relatore: Giuseppe Di Taranto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi