Skip to content

L'emissione di Minibond in una media impresa. Il caso di Sea S.p.a.

Fondo centrale di garanzia, confidi e Sace

Gli enti considerati in tale paragrafo si occupano, direttamente o indirettamente, di fornire garanzie all'emissione del Minibond utili all'investitore per tutelare il proprio investimento così da ridurre il rischio di credito e conseguentemente anche il rendimento richiesto.

Il Fondo centrale di garanzia è uno strumento istituito con legge 662/96 e operativo dal 2000. Tale strumento offre garanzie alle imprese che vogliono ottenere finanziamenti. Il suo fine quindi è agevolare le imprese nell'ottenimento di liquidità. Opera secondo due modalità:
• garante diretto a favore di banche e altri intermediari finanziari;
• garante indiretto (contro-garante) in veste di riassicuratore di garanzie concesse da un confidi. Il fondo garantisce il confidi nei confronti della banca o ente finanziatore; garantisce il suo rischio di credito comportando così un miglioramento nel coefficiente di rischio a fini di vigilanza dell'operazione (minor rischio) e un minor costo.

Grazie all'attuazione del decreto Destinazione Italia il fondo può operare anche in ambito Minibond. In particolare, può concedere garanzie a (d.l. 145 del 23 dicembre 2013, art. 12, comma 6-bis):
• singole operazioni di emissione
• portafogli di operazioni sottoscritte da un medesimo intermediario (l'importo dei singoli titoli dovrà essere inferiore al 3% del valore nominale complessivo dei titoli in portafoglio che dovrà essere compreso tra i 50 e i 200 milioni di euro).

Per accedere al fondo le operazioni di sottoscrizione dovranno avere durata compresa tra i 36 e 120 mesi e non dovranno avere ad oggetto la sostituzione di linee di credito preesistenti. Riguardo alle singole emissioni, la garanzia del fondo coprirà:
• fino al 50% del valore nominale del Minibond sottoscritto nel caso di rimborso rateale
• fino al 30% del VN nel caso di rimborso unico a scadenza (bullet)

Le percentuali sono differenti e minori nel bullet (rispetto all'amortizing) in quanto il secondo tipo di rimborso comporta maggiori rischi perché in tale forma il rischio di credito quando si manifesta (solo a scadenza) comporta il potenziale mancato pagamento dell'intero importo e non di una singola rata. Nel primo caso (amortizing) la mancanza di pagamento di una delle rate può fungere da avvisaglia e permettere all'investitore di effettuare delle azioni correttive; oppure se il default si manifesta a scadenza gran parte dell'investimento è già stato rimborsato e quindi la perdita è comunque minore rispetto al caso bullet. Il fondo in ogni caso, in veste di garante, si tutela e garantisce in misura minore le operazioni più rischiose.

Altra modalità di azione del fondo di garanzia riguarda i casi in cui il portafoglio di Minibond viene ceduto a un fondo di investimento o ad una società veicolo per effettuare una cartolarizzazione (tradizionale o sintetica). Il fondo può coprire fino all'80% della tranche junior (la quota di portafoglio più rischiosa, quella che assorbe le prime perdite) e fino ad un massimo dell'8% del valore nominale complessivo dei titoli che lo compongono.

In entrambe le modalità di intervento l'importo massimo garantibile per singola PMI è di 1,5 milioni di euro per un massimo di risorse impegnate dal fondo di 50 milioni di euro (incrementabili fino a 100). Il 40% destinato a singole operazioni e il restante a portafogli. La garanzia diretta viene richiesta dal Fondo, dalle banche, dagli intermediari finanziari e/o dai gestori. Dal 7 Novembre 2014 il Fondo è operativo. Le imprese che vogliono beneficiare di tali garanzie devono passare tramite i soggetti appena elencati.

"I Confidi – Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi – sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente l'attività di rilascio di garanzie collettive dei fidi e i servizi connessi o strumentali, a favore delle piccole e medie imprese associate, nel rispetto delle riserve di attività previste dalla legge".

Sono soggetti che offrono garanzie per agevolare le imprese associate nell'ottenimento di finanziamenti. Non vi è ancora una disciplina specifica per i confidi in relazione alle garanzie per i Minibond, vi è attualmente solo rispetto alle cambiali finanziarie. La normativa prevede che questi istituti offrano garanzie ai soggetti associati principalmente per operazioni verso istituti bancari e non verso il mercato dei capitali. L'agenzia delle entrate con la Risoluzione 43/E (luglio 2013) ha previsto che i confidi, i Fondi comuni e le Sicav (OICR) possano acquistare minibond e incassare i relativi interessi senza essere soggetti alla ritenuta alla fonte e nemmeno ad imposta sostitutiva sui redditi da capitale (che invece pagano le persone fisiche e gli enti non commerciali). I confidi possono quindi acquistare Minibond e finanziare le imprese per cassa beneficiando degli incentivi fiscali previsti dalla normativa Minibond. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'emissione di Minibond in una media impresa. Il caso di Sea S.p.a.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Ferrari
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Luca Erzegovesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi