Skip to content

Utilizzo dei glucocorticoidi nella profilassi pre-operatoria del paziente che deve sottoporsi ad anestesia

Reazioni allergiche e pseudo-allergiche: ruolo dei glucocorticoidi

Le reazioni avverse che insorgono durante una procedura anestetica possono essere dovute ad una molteplicità di composti. Il quadro risulta essere ancora più complicato se si prende in considerazione il fatto che, anche prima dell’inizio di una procedura anestetica, possono essere somministrati composti responsabili di reazione avverse. Da ciò ne deriva che una eventuale reazione avversa, insorta durante l’anestesia non necessariamente è dovuta ad un farmaco “anestetico” in senso stretto.

La molteplicità dei composti utilizzati e la latenza tra somministrazione di un composto e lo sviluppo di una reazione avversa rende la diagnosi di reazione anafilattica o pseudo-allergica particolarmente difficile. Tale difficoltà la si ritrova poi anche nelle successive indagini di ricerca del composto responsabile.
I farmaci utilizzati nel periodo peri-operatorio e durante l’anestesia possono dar luogo sia a reazioni allergiche che a reazioni pseudo-allergiche. Se per le prime sono disponibili test clinici che permettono di identificare il composto responsabile e di conseguenza ridurne l’esposizione, ciò non è affatto vero per le seconde. Ma la pericolosità delle reazioni pseudo-allergiche è dovuta anche al fatto che tali reazioni tendono a manifestarsi in soggetti già alla prima esposizione, al contrario delle reazioni allergiche propriamente dette che comunque necessitano di una prima esposizione o allo stesso composto oppure a composti che presentano apteni simili.

In teoria chiunque potrebbe sviluppare una reazione pseudo-allergica in corso di una procedura anestetica.
Se per il soggetto allergico ad un composto è possibile, grazie a test di laboratorio e clinici, nonché grazie ad una buona anamnesi volta alla ricerca di fattori di rischio, valutare la sua sensibilità verso quel composto e di conseguenza evitare l’esposizione all’allergene e ad altri composti ad esso correlati, tale misura profilattica non può essere applicata per le reazioni pseudo-allergiche.
Seppure i meccanismi alla base di reazioni allergiche e pseudo-allergiche siano differenti, le loro manifestazioni cliniche sono identiche, così come identici sono i mediatori e le cellule coinvolte.

È ormai stato stabilito che i glucocorticoidi non sono efficaci per il trattamento in acuto delle reazioni anafilattiche. A questo punto è lecito chiedersi se questi composti possano avere un ruolo per la profilassi delle reazioni anafilattiche e soprattutto per quelle pseudo-allergiche. Per la profilassi delle reazioni allergiche il primo presidio è rappresentato dall’evitare il contatto con l’allergene e utilizzare composti verso cui non vi è cross reattività.

Dai dati ricavati dalla survey si può affermare che per gli anestesisti campani la paura di una reazione avversa insorta prima, durante e dopo l’anestesia, nel paziente a rischio, è concreta. Infatti l’80% degli anestesisti e rianimatori somministra i glucocorticoidi come profilassi di una eventuale reazione anafilattica.

I glucocorticoidi maggiormente utilizzati sono il betametasone, molto utilizzato sia per gli interventi di urgenza che di elezione, seguono poi l’idrocortisone, il metilprednisolone, il prednisone, il prednisolone ed il desametasone.

Tale prassi clinica si scontra però con i dati ricavati dalla revisione soggettiva della letteratura. Infatti, questa ha fornito risultati discordanti in merito all’effetto dei glucocorticoidi, sottolineando come, seppure appartengano alla stessa famiglia, esistano delle differenze sia tra i singoli composti sia tra le varie formulazioni con cui lo stesso composto viene somministrato. Inoltre l’attività del medesimo composto varia anche a seconda delle popolazioni cellulari e dei tessuti che vengono studiati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Utilizzo dei glucocorticoidi nella profilassi pre-operatoria del paziente che deve sottoporsi ad anestesia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Romanelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Ornella Piazza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

glucocorticoidi
anestesia e reazioni allergiche
anestesia e anafilassi
profilassi reazioni allergiche
premedicazione in anestesia
paziente allergico e anestesia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi