Skip to content

Le anomalie di calendario nel mercato azionario italiano

La Market Seasonality Theory e le principali “anomalie di calendario”

Come accennato in conclusione del primo capitolo, tra gli studi e le teorie che criticano l'ipotesi dei mercati efficienti, occupa un ruolo rilevante il filone di studio relativo alle cosiddette “anomalie di calendario”.

Da qualche decennio sono infatti numerosi gli studi e le ricerche empiriche che hanno documentato regolarità inattese e anomale in relazione a determinati momenti di una giornata, giorni della settimana, periodi di un mese o mesi dell'anno.

In pratica, il mondo accademico e gli operatori professionali hanno in vari modi analizzato i rendimenti azionari ricercando od osservando un nesso tra le variazioni dei prezzi e il momento temporale in cui esse si manifestano.
Ciò ha dato appunto impulso al filone di ricerca delle anomalie di calendario (dove per anomalia si intende un evento che non può essere spiegato dalla dottrina prevalente) e alla “Teoria delle Stagionalità dei Mercati” (MST, Market Seasonality Theory), la quale si pone quindi in contrasto con la EMH (Efficient Market Hypothesis) esposta nel capitolo 1.

Secondo la MST, la presenza di alcuni fattori, che si manifestano con ricorrenza in determinati istanti, influenza il funzionamento dei mercati e fa sì che si vengano a determinare pattern ricorrenti nel movimento dei prezzi azionari.Le anomalie pi diffuse hanno riguardato la presenza di variazioni di rendimenti dovute a variazioni temporali circoscritte a determinate fasi dell'anno.

Queste conclusioni sono potenzialmente una seria sfida ai modelli classici di equilibrio dei mercati, come appunto l'ipotesi dei mercati efficienti. E' facile dunque comprendere come questo filone di studi abbia stimolato ulteriormente il dibattito del quale già si è detto nelle pagine precedenti.

Da un lato, molti scettici sollevano forti dubbi sulla robustezza delle verifiche prodotte, sostengono che le anomalie non siano supportate da significative spiegazioni economiche e ritengono il ruolo dei costi di transazione abbastanza influente da impedire qualsiasi tipo di extra - rendimento; dall'altro lato, sono invece molti coloro i quali sostengono o hanno sostenuto l'effettiva esistenza di tali anomalie.

Al di là delle possibili interpretazioni, l'identificazione di tali anomalie nel mercato azionario costituisce di per sé un motivo di grande interesse.
A questo punto è quindi opportuno descrivere in maniera più dettagliata le anomalie più ricorrenti. Nel corso dei successivi paragrafi, dunque si tratteranno in particolare:

* L’effetto gennaio, che consiste nell'osservazione di rendimenti maggiori rispetto alla media per i titoli azionari nel mese di gennaio.

* L’effetto weekend, che si basa sullo studio del rendimento dei prezzi azionari nei fine-settimana e si concretizza, nello specifico, nei rendimenti negativi del lunedì in contrasto coi rendimenti al contrario positivi delle giornate di venerdì.

* L’ “Halloween Effect”, o “Halloween Indicator”, derivante dall'osservazione di rendimenti nettamente superiori nel semestre novembre - aprile rispetto al semestre maggio - ottobre.

* L’effetto cambio del mese (o Turn of the Month Effect), ossia il maggiore rendimento che pare verificarsi per i titoli azionari a cavallo di due diversi mesi.

* L’effetto Holiday, simile in qualche modo all'effetto weekend. Si tratta dell'osservazione di performance particolarmente positive nelle date immediatamente precedenti una festività.

* Il “Month of the year effect”, derivato dallo studio dei rendimenti nei vari mesi dell'anno presi singolarmente e dall'osservazione di alcuni pattern di rilievo.

* Il Good day sunshine effect, legato agli effetti perlopi psicologici delle condizioni metereologiche sui comportamenti degli investitori.

* L’effetto ora legale, che nasce dall'osservazione delle reazioni dei prezzi azionari al passaggio dall'ora solare all'ora legale, e viceversa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le anomalie di calendario nel mercato azionario italiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Simionato
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza aziendale e Mercati finanziari
  Relatore: Marco Elia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi