Skip to content

LA NEGOZIAZIONE INTERSOGGETTIVA DI UN IMPEGNO CONGIUNTO: un’analisi della concordanza tra comunicazione verbale e non-verbale.

Giochi conversazionali e comportamentali nella pragmatica del dialogo

L'articolo di Airenti G, Bara B.G., Colombetti M. (1993) getta le basi per una teoria computazionale del processo cognitivo alla base della comunicazione umana, dove quest'ultima viene considerata parte dell'azione stessa. Il fulcro dell'articolo è dedicato all'analisi delle fasi in cui il processo della comprensione di un atto comunicativo può essere logicamente diviso. Riguardo a ciò, un ruolo centrale è giocato dalla distinzione introdotta tra gli obiettivi conversazionali e gli obiettivi comportamentali. Quando una persona comunica, l'obiettivo è di sortire un effetto sul partner: influenzarne lo stato mentale o indurlo a compiere un'azione. Qui si pone il problema: la scelta della strategia comunicativa da mettere in atto per ottenere l'effetto desiderato crea un ulteriore obiettivo, ovvero seguire le regole della conversazione. Questi due obiettivi hanno diverse origini.
Ciò significa quindi che una persona può dimostrarsi non-cooperativa dal punto di vista comportamentale, per esempio rifiutandosi di attenersi ad una richiesta, mentre continua a mantenere una conversazione corretta. L'ipotesi degli autori è che i due tipi di obiettivi sono raggiunti utilizzando diversi tipi di conoscenza e hanno ruoli diversi nel processo della comprensione.
Gli obiettivi comportamentali sono per lo più personali e correlati con le motivazioni dell'actor (Airenti et al., 1993); mentre gli obiettivi conversazionali si basano maggiormente sulla motivazione di comunicare. Di conseguenza, quando intraprendo un'interazione comunicativa, mi baso sulle regole convenzionali della conversazione: quando qualcuno mi fa una domanda, devo dare una risposta.
Nel processo di comprensione di un atto comunicativo, gli autori distinguono cinque fasi:
1. Significato letterale, dove viene ricostruito e letteralmente espresso lo stato mentale dell'actor.
2. Il significato dell'interlocutore, dove il partner comunicativo ricostruisce le intenzioni comunicative dell'actor
3. L'effetto comunicativo, dove il partner può modificare le sue credenze/intenzioni
4. Reazione, dove sono prodotte le intenzioni per la generazione della risposta
5. Risposta
Secondo l'approccio cognitivo, quindi, la comunicazione va considerata come un complesso di interazioni in cui un atto non può essere separato dalla reazione che produce successivamente.
Obiettivo della comunicazione è di ottenere un effetto sul partner; anche nelle forme di conversazione meno strutturate le persone seguono regole e hanno precise aspettative circa il comportamento dell'interlocutore. In generale, l'aspetto conversazionale non può essere ignorato: per esempio, anche in una semplice espressione "mm" mentre si ascolta una lunga conversazione richiede delle regole conversazionali, ovvero l'ascoltatore comunica al parlante che lo sta ascoltando con attenzione.
Passando da un singolo atto comunicativo ad un dialogo strutturato, si pone il problema di spiegare come due partner possano mantenere una rappresentazione compatibile dell'interazione corrente. Il modello presentato nell'articolo, si focalizza sulla mutua conoscenza di pattern stereotipati di interazione, che secondo gli autori giocano un ruolo essenziale nel capire il significato delle espressioni che si giocano nel dialogo.
A questo proposito gli autori introducono il concetto di Behavioral Games (Airenti et al, 1993). Alla base di questo concetto c'è il punto di vista della Pragmatica secondo la quale la teoria del linguaggio debba essere considerata parte della teoria dell'azione: la comunicazione verbale e non verbale vanno quindi considerate come facenti parte di un'unica cornice teorica. Per rimarcare questo concetto, gli autori preferiscono utilizzare i termini actor e partner anziché speaker e reader. Per la teoria del dialogo, quindi, il ruolo più importante è giocato dagli effetti che l'actor intende apertamente sortire sul partner.

Questo brano è tratto dalla tesi:

LA NEGOZIAZIONE INTERSOGGETTIVA DI UN IMPEGNO CONGIUNTO: un’analisi della concordanza tra comunicazione verbale e non-verbale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Ferretti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Francesca  Morganti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
intersoggettività
comunicazione non verbale
comunicazione verbale
analisi qualitativa
analisi quantitativa
ecsi
impegno congiunto
sperimentatore
soggetto sperimentale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi