Skip to content

Il ciclo produttivo della tessitura: analisi diagnostiche e indicatori archeologici

Seta

D’origine animale è anche la seta. Si ottiene dalle larve di un tipo di lepidotteri, il Bombix Mori, ossia il bombice del gelso, prima della sua metamorfosi in crisalide e, conseguentemente, in farfalla. La sua bava serica ha l'aspetto di un filamento continuo, scientificamente composto di due bavelle interne e rivestite esternamente da una guaina chiamata sericina. I filamenti non sono recuperati all'interno della larva, bensì da un bozzolo creato dal bombice stesso, e sono lunghi dai 600 ai 1.200 metri. Il filamento è talmente sottile che per ottenere un filo da poter tessere era necessario intrecciarne almeno una dozzina. A questo punto, un passaggio fondamentale è l'ebollizione dei bozzoli: in questo modo si uccide la crisalide prima che possa schiudersi, evitando il rischio che questa possa andare a spezzare i filati. A questo punto sono eseguite la cernita, la macerazione e il risanamento dei bozzoli; dai filati ottenuti si realizzano le matasse. Solo adesso è possibile eseguire l'incannatura, consistente nel disporre le matasse nell'arcolaio, ottenendo così il filo quasi pronto per la fase della tessitura; è, infatti, necessario creare una torsione a destra per ogni filo che andrà utilizzato per la trama, mentre i fili destinati all'ordito hanno bisogno di un’ulteriore torsione, stavolta verso sinistra, la così detta torcitura.
Per la fase di tintura dei filati è indispensabile eliminare la colla naturale che riveste ogni filo attraverso una cottura in acqua calda con sapone. Questo tipo di filamento, pertanto, non era adatto ad un tipo di telaio come quello verticale a pesi, ma probabilmente si utilizzavano dei telai sofisticati e, in particolar modo, con i pedali.
Storicamente la tessitura della seta ha come luogo di nascita la Cina, nel lontano 2.600 a.C. Trattandosi di un materiale tessile eccezionalmente raffinato, i detentori di questo materiale cercavano di mantenere il segreto concernente la sua lavorazione. Si tratta di un materiale pregiato e valutato tanto quanto l'oro, come nella Grecia del IV sec. a.C., di cui però si ignora il secolo di importazione.
Da ciò si può dedurre che la sua fabbricazione rimase un mistero in Occidente sino a che, nel 552 d.C., due monaci nestoriani, ex missionari della Cina, trafugarono per il loro imperatore Giustiniano uova di bachi da seta e semi di gelso, avviando così l'industria della seta serica da Costantinopoli sino alle altre province dell'Impero Romano d'Oriente. Questo materiale fece ingresso anche in Italia intorno alla fine del IX secolo, importata dai greci-bizantini in Calabria, fino a propagarsi nel resto della Penisola.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ciclo produttivo della tessitura: analisi diagnostiche e indicatori archeologici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Cutaia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Studi Umanistici
  Corso: Beni Culturali
  Relatore: Fabio Calogeno Pinna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
tessitura
tessuti
filatura
telaio
archeologia sperimentale
rievocazione storica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi