Skip to content

Psicodramma: storia, metodologie ed i primi contatti formativi

Portata e Limiti dello Psicodramma Analitico collettivo Secondo Anzieu

Secondo lo psicanalista Didier Anzieu questo tipo di formazione era soggetta a limiti; l'esperienza deve essere limitata a causa del tempo, per il fatto che i partecipanti si conoscono e studiano insieme il più delle volte, che l'animatore è nello stesso tempo insegnate e che i sessi sono rappresentati in modo disuguale. Il problema è sapere quale sia, in queste condizioni, la portata dell'esperienza, senza produzione e rielaborazione della nevrosi di transfert, il suo valore psicoterapeutico resta limitato. Il valore dimostrativo è incontestabile, ma possiamo attribuirgli un valore formativo?
In quale misura la sensibilizzazione dell'inconscio, che cerca di suscitare, non si trasforma in una riorganizzazione più difensiva contro l'inconscio stesso e, alla fine, nel suo occultamento sembra una domanda. Si può formulare la seguente riserva: la formazione mediante lo psicodramma analitico collettivo consiste essenzialmente in un gioco con l'inconscio; si gioca a conoscerlo ma non lo si conosce veramente. Giocando si familiarizza con la propria dinamica dei processi psichici primari, ma non si chiarisce tale dinamica e non si arriva a padroneggiare il “Dis-occultamento”. Si gioca davvero, ma non ci si impegna davvero nella messa in questione e nell'analisi del sé.

Dall'altra parte, ci sono anche constatazione positive secondo Anzieu:
- L'interesse per lo Psicodramma analitico è considerevole in molti di coloro che ne hanno fatto esperienza;
- La relazione pedagogica insegnante-studente si trova trasformata più rapidamente che ricorrendo ad altri metodi;
- Alcune inibizioni fondate sul desiderio di apprendere (la pulsione epistemofilica) vengono tolte, almeno parzialmente e provvisoriamente;
- Il desiderio di proseguire una formazione professionale è rafforzata;
- La Mentalizzazione, cioè la fomentazione interiore delle rappresentazioni e degli affetti nel preconscio, è intesa nei partecipanti, anche se non si coinvolgono, anche se le sedute sembrano vuote o caricaturali.

Queste constatazioni positive sono state confermate da altri tipo di esperienza psicodrammatica. Infatti, l'uso dello psicodramma può essere estremamente variato senza che perda la sua efficacia. Accanto allo psicodramma con ritmo settimanale per la durata di un trimestre, di un semestre o di un anno, i compagni d'equipe di Anzieu hanno sperimentato, con frutto, altre formule: sia intensive (con sedute cumulate nello spazio di una mezza giornata nel corso di una settimana o ogni quindici giorni), sia miste (alternando sedute di gruppo di diagnosi e psicodramma nel corso di una sessione intensiva della durata di almeno 4 giorni, o di un seminario della durata di almeno una settimana).

In maniera generale, lo psicodramma permette di cominciare una sessione, un seminario, un ciclo di formazione, anche un intervento in un’istituzione, togliendo le resistenze correnti, assicurando il “ riscaldamento” preliminare e il coinvolgimento dei partecipanti, liberando la loro spontaneità creatrice, creando un clima di gruppo che favorisca e stimoli l'approccio inconscio individuale attraverso la dinamica dell'inconscio gruppale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Psicodramma: storia, metodologie ed i primi contatti formativi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Canari
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Rosapia Lauro Grotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
psicologia dinamica
psicoterapia
neuroscienze
psicodramma
terapie di gruppo
origini storiche psicodramma
esperienza formativa
musica e psicodramma
neuropsicoanalisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi